Milano
7:45 pm, 27 Novembre 14 calendario

Alla Scala un Fidelio contemporaneo

Di: Redazione Metronews
condividi

LIRICA «“Fidelio” è la ricerca della verità in una prigione”». Così ha definito l’unico lavoro teatrale composto nella sua vita da Ludwig van Beethoven la regista inglese Deborah Warner che, con la complicità della scenografa Chloe Obolensky, storica collaboratrice di Peter Brook, lo allestirà, il 7 dicembre, per l’attesa inaugurazione della stagione d’opera 2014-2015 del Teatro alla Scala.
«Qui una donna, Leonore», ha confessato la regista, già applaudita nel 2011 alla Scala per il suo “Death of Venice” di Britten, «scende agli Inferi, il carcere, per recuperare il suo amore. Con Chloe abbiamo immaginato la prigione non come un carcere di Stato, ma come una fabbrica abbandonata utilizzata come prigione temporanea. Un’ispirazione che ci è venuta dalla cronaca dei nostri giorni che mostra spesso immagini di carceri di questo tipo nelle periferie delle città e da una fotografia pubblicata sul “New York Times” che mostrava una fabbrica in disuso dove erano stati portati i prigionieri dell’Isis». 
Un “Fidelio” che guarderà alla contemporaneità senza però precisi riferimenti cronachistici e con un’attenzione particolare alla recitazione dal momento che quest’opera, tecnicamente un “Singspiel”, alternerà momenti di canto ad altri di parlato.
«È difficile per noi cantanti», ha sottolineato il soprano tedesco Anja Kampe, protagonista nel ruolo di Leonore, «passare dal canto al parlato in un  luogo così grande com’è la Scala e per questo ci siamo dovuti adattare. Il mio personaggio, che ho già interpretato altre volte, ha assunto nuove sfumature grazie anche ai costumi che mi fanno pensare ad abiti contemporanei nei quali mi sento perfettamente a mio agio» (Info: 02 72003744).
ANTONIO GARBISA

27 Novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Milano
«Il carcere infantilizza, il teatro in carcere restituisce umanità»
Christian, 48 anni, 26 dei quali passati in diverse carceri italiane, racconta la sua esperienza da detenuto-attore nella compagnia I figli di Estia nella casa di reclusione di Milano Bollate
Milano
Il FringeMI Festival invade la città per quattro giorni
Domani inaugura rassegna diffusa di spettacolo dal vivo, che, fino al 9 giugno,  si svolgerà in 13 quartieri della città di Milano con 75 spazi per oltre 200 eventi
Milano
Michielin e Stokholma al timone dei Diversity Media Awards
Martedì 28 maggio dal Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano e poi su Rai1 riconoscimenti che premiano i personaggi e i contenuti mediali che si sono distinti nel corso dell’anno precedente per una rappresentazione valorizzante ed inclusiva delle persone
Milano
Renato Rizzi: «L’affettività in carcere non può più aspettare»
Domani, alla Casa della Cultura, dopo la sentenza della Corte Costituzionale ci saranno, oltre al consulente psicologo presso il carcere di Bollate, anche Valentina Alberta, Presidente della Camera penale di Milano, Giuseppe Bettoni, Presidente della Fondazione Archè Onlus, Fabio Gianfilippi, Magistrato di sorveglianza a Spoleto, Mario Serio, Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, lo scrittore Giorgio Panizzari e Francesco Maisto, Garante dei detenuti di Milano
Milano
Tutto pronto per il “World Anthropology Day 2024”
Divers3 Diseguali: quel che ci unisce e quel che ci divide è il titolo della sesta edizione del WAD che si snoderà tra Milano e Torino dal 15 al 17 febbraio