6:01 am, 3 Ottobre 14 calendario

La super Roma sida una Juve avvelenata

Di: Redazione Metronews
condividi

Si avvicina a passo di corsa la super sfida tra le regine del campionato. Ma da punti di vista diversi. La Roma, galvanizzata dal pareggio di Manchester, ha  il morale a mille: «Possiamo giocarcela con tutte le squadre al mondo», il proclama del presidente Pallotta. E il ds Sabatini prima si coccola Totti («Vuole un trofeo, si capisce chiaramente»), poi toglie Strootman dal mercato («Le voci arrivano solo dall’Inghilterra») e invita la concorrenza a non mollare:  «Spero che il campionato si arricchisca di altri protagonisti, le nostre chance aumenterebbero. Naturalmente siamo soddisfatti di essere in alto con la Juve, ma preferirei avere un campionato più articolato e con più partite di alto livello. Succederà, in Italia ci sono squadre forti che usciranno fuori presto». Quanto all’undici anti-Juve, difficile immaginare Totti seduto: al suo fianco, Gervinho e uno tra Florenzi e Ljajic. Sensazioni diverse a Torino. Il diktat è: ripartire. Dimenticando in fretta la delusione per il ko di Madrid.  Allegri è convinto che contro i colchoneros la squadra abbia giocato una buona partita e Chiellini gli dà ragione: «Di negativo c’è stato il risultato. Adesso ci aspetta la Roma: sarà un incontro totalmente diverso da quello di mercoledì». Detto fuori dai denti, però: in caso di ulteriore ko, la Juve passerebbe in una settimana dalle lodi del post Conte al rischio di una crisi di nervi o quasi. Sarebbe anche il caso di un mini turnover, ma Morata è in dubbio: Llorente («Mi manca il gol») si terrà quindi il posto, mentre Vidal rischia di lasciarlo a Pereyra. Quanto a Pirlo, ha lavorato in gruppo ma andrà in  panchina.
(d. lat.)

3 Ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo