8:39 pm, 24 Luglio 14 calendario

Esecuzione in America Due ore di agonia

Di: Redazione Metronews
condividi

È durata quasi due ore l’atroce agonia di un condannato a morte in Arizona, la cui  esecuzione è avvenuta con una iniezione letale. Joseph Wood, 55 anni, è stato dichiarato morto un’ora e 57 minuti dopo l’inizio dell’esecuzione nella prigione  di Florence, in  Arizona. La sua agonia riapre il dibattitto sulla pena di morte negli Stati Uniti, dopo che a gennaio, in Ohio, un condannato era morto dopo 25  minuti di agonia e in aprile in Oklahoma un uomo dopo 45 minuti. Allora il presidente Obama si era detto «sconvolto», promettendo di analizzare l’applicazione della pena di morte assieme al ministro della Giustizia Eric Holder.   Michael  Kiefer, reporter di Arizona republic, ha detto di aver visto Wood boccheggiare 660 volte prima che morisse. Dopo un’ora di agonia, gli avvocati hanno presentato invano un’istanza di  sospensione dell’esecuzione. Il direttore del dipartimento dell’Arizona, Charles Ryan, ha affermato che il condannato non ha sofferto. Per mettere a morte Woods è stata usata una  combinazione di midazolam e idromorfone, ma le autorità dell’Arizona non hanno voluto rendere noti altri dettagli. La Costituzione americana vieta le punizioni «inusuali e  crudeli» e la lunga agonia di Wood riapre il dibattito sulla pena di  morte, ancora in vigore in 32 Stati Usa. Wood era stato condannato per l’omicidio della fidanzata e del padre.
(metro)

24 Luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo