6:05 am, 10 Giugno 14 calendario

Baby squillo per Ieni chiesti 16 anni

Di: Redazione Metronews
condividi

Roma. Sei anni di reclusione per la mamma di una delle due baby squillo coinvolte nel giro di uno sfruttamento della prostituzione di due minorenni in un appartamento in viale Parioli. È quanto ha chiesto il procuratore aggiunto Maria Monteleone nel corso del processo con rito abbreviato che vede sul banco degli imputati complessivamente otto persone. Il magistrato ha chiesto inoltre 16 anni e mezzo per Mirko Ieni, ritenuto da chi indaga il principale gestore del “giro” delle due baby squillo e otto mesi per Gianluca Sammarone, uno dei presunti clienti. Sono le prime richieste del magistrato. A pronunciarsi sarà il gip Costantino De Robbio. Favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile, cessione di sostanze stupefacenti, diffusione e detenzione di materiale pedopornografico, sono i reati contestati, a seconda delle posizioni, agli imputati per fatti avvenuti tra il luglio e l’ottobre 2013 nell’inchiesta. Nel procedimento si sono costituite parti civili le due minorenni e la madre di una delle due ragazzine che con la sua denuncia diede l’avvio all’inchiesta. Sul banco degli imputati invece si trova appunto l’altra madre, accusata dalla Procura di aver sfruttato la prostituzione della figlia dalla quale si sarebbe anche fatta dare  100 euro al giorno. Per quanto riguarda la posizione della donna, il pm ha chiesto la condanna per il reato di sfruttamento della prostituzione e l’assoluzione da quello di favoreggiamento. Ieni è ritenuto  il principale gestore del “giro” delle due baby squillo, nonché anche di quello di quattro ragazze maggiorenni. L’imputato è accusato anche di detenzione e cessione di cocaina.
 
(Metro)

10 Giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo