9:40 pm, 6 Maggio 14 calendario

Tagli ai salari la citt ora rischia la paralisi

Di: Redazione Metronews
condividi

Oltre 10 mila lavoratori del Campidoglio che paralizzano la città e dichiarano guerra al loro sindaco. È lo scenario, senza precedenti, che ieri si è concretizzato durante l’affollatissima assemblea sindacale all’ombra del Marc’Aurelio per discutere dei tagli al salario accessorio che coinvolge 24 mila dipendenti comunali. Un’assemblea che in mattinata è diventata una manifestazione tra la scalinata dell’Ara Coeli e piazza Venezia, con blocchi del traffico che hanno paralizzato il centro e slogan durissimi contro il sindaco Ignazio Marino, colpevole secondo i sindacati di voler portare avanti il taglio ai salari unilateralmente.
Oggi ci sarà un tavolo con le organizzazioni sindacali, ma se non dovessero emergere novità sostanziali Cgil, Cisl, Uil, sindacati di base e tutte le altre sigle (comprese quelle dei vigili) si sono dette pronte a un’ondata di scioperi. E contro l’ipotesi dei tagli si sono espressi anche esponenti del Pd, primo tra tutti Goffredo Bettini, “guru” della sinistra romana nonché regista della candidatura di Marino al Campidoglio. Il primo cittadino ha spiegato di essere vicino ai lavoratori, e che spetta al Governo intervenire per scongiurare le decurtazioni, indicate come necessarie dal ministero dell’Economia e dala Corte dei Conti.
I nodi sul tavoloIl taglio del salario accessorio riguarda circa 24 mila dipendenti comunali. Corrisponde al 15% della retribuzione mensile e si traduce in una busta paga alleggerita di 300 euro su un totale di 1.300 euro)
Il verticeOggi ci sarà un incontro tra i sindacati e il Campidoglio. I primi, che accusano il sindaco di aver tradito il suo mandato per non aver ancora attuato un punto del suo programma, presenteranno un piano in cui per risparmiare e avvicinarsi alla chiusura del Bilancio 2014, sono previsti tagli agli sprechi tali da garantire il reperimento di risorse da destinare ai dipendenti comunali.
(Metro)

6 Maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo