Fatti&Storie

Maradona, niente eredità a ex moglie Claudia e due figlie

maradona

Diego Armando Maradona ha escluso dall'eredità l’ex moglie, Claudia Villafane e le due figlie, Dalma e Gianinna, nate dal matrimonio durato 24 anni. Il quotidiano argentino El Clarin ha rivelato le volontà dell'ex fuoriclasse scomparso il 25 novembre, spiegando che sarebbero state riviste di recente, quando Maradona viveva a Dubai. Cinque anni fa, quando Villafane era la sua tutrice legale, el Diez scoprì un buco di 6 milioni di dollari e la scomparsa di 458 cimeli (tra cui medaglie e cimeli) e accusò l'ex moglie in una causa ancora in corso quando el pibe de oro è morto, che riguarda anche le accuse di appropriazione di due appartamenti, a Buenos Aires e a Miami. E proprio la causa impedirebbe a Claudia di beneficiare dell'eredità. 

Claudia e Diego, ricostruisce El Clarin, si sono sposati il ​​7 novembre 1989 con una festa sontuosa, quando Dalma e Giannina erano già nate, e hanno divorziato "ufficialmente" nel 2003. Villafane avviò la causa di divorzio il 7 marzo 1998 per "abbandono del tetto coniugale", rivendicò la custodia delle figlie e chiese la proprietà dei due lussuosi appartamenti, la metà dei profitti del Museo Maradona e 10 mila pesos al mese "per il sostentamento" di Dalma e Giannia.  Nel luglio 2015, Diego, dopo una verifica dei suoi beni, accertò che mancavano 80 milioni di pesos (all'epoca circa 6 milioni di dollari), depositati in una cassaforte in Uruguay. Il 14 giugno scorso El Clarin ha pubblicato una nota di Maradona, in cui el pibe de oro diceva che "Dalma e Giannina hanno scelto di restare con chi non è stato un buon esempio di madre", un terremoto che occupò ore e ore delle trasmissioni televisive in Argentina.

Articoli Correlati
Fatti&Storie