News

Sicurezza stradale, Covid riduce gli incidenti

Sicurezza

ROMA Ridurre gli incidenti sulla rete stradale e autostradale del 50% entro il 2030. È questo l’impegno che ha messo in campo Anas (Gruppo Fs Italiane) in occasione della Giornata mondiale in Ricordo delle Vittime della Strada. Il tema è stato al centro del webinar “Sicurezza stradale: Obiettivo zero vittime” organizzato in collaborazione con Piarc Italia (Associazione mondiale della strada). «Stiamo lavorando per definire i primi passi per la realizzazione del Piano nazionale per la Sicurezza stradale 2030 - ha dichiarato il Sottosegretario del Mit, Roberto Traversi - vogliamo che l’attenzione si sposti anche alle misure del post incidente, all’assistenza ai soggetti deboli coinvolti e alle strutture riabilitative del territorio».

Distrazione e velocità

Secondo l’ultimo rapporto Istat, nel 2019 sono stati 172.183 gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia, in lieve calo rispetto al 2018 (-0,2%), con 3.173 vittime e 241.384 feriti. Tra le principali cause di incidentalità restano prevalenti la guida distratta, l’eccesso di velocità e il mancato rispetto della distanza di sicurezza. Nei primi dieci mesi del 2020, secondo la Polstrada, rispetto allo stesso periodo del 2019 è stato rilevato un drastico calo degli incidenti del 28,7% per il ridotto numero di veicoli in circolazione durante la pandemia. Le vittime sono state 1.015, il 25,6% in meno rispetto alle 1.387 dello stesso periodo del 2019.

METRO

Articoli Correlati
News