Fatti&Storie

Contagi ancora in salita Oms: errori nelle quarantene

COVID 19

ROMA Sono tornati a salire i nuovi casi di coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 10.874 (lunedì erano stati 9.338). Il totale dei contagi dall’inizio della pandemia è ora di 434.449. Sono 89 i decessi legati al coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore. In aumento rispetto a ieri, quando erano stati 73. Il totale invece sale a 36.705, come ha comunicato il ministero della Salute. E continuano a salire  anche i ricoveri in terapia intensiva a causa del coronavirus: sono 73 in più nelle ultime 24 ore, stando ai dati del ministero della Salute (lunedì erano state 47). Il totale è di 870 persone in terapia intensiva. Balzo anche per i ricoveri con sintomi: sono 778 più del giorno precedente, e portano il totale a 8.454.

«Errori su quarantena»
 L’impennata dei casi di coronavirus nell’emisfero settentrionale è causata da errori nella quarantena delle persone esposte al virus. È quanto ha sostenuto il direttore per le emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Michael Ryan, secondo il quale bisognerebbe assicurarsi che «ogni contatto di un caso confermato stia in quarantena per il periodo appropriato». Ma, ha ammesso, «non credo che questo sia avvenuto in modo sistematico, dappertutto». E questo,  ha sottolineato Ryan, «è in buona parte la  ragione per cui stiamo vedendo questi numeri alti», con circa la metà  dei 48 Paesi della regione europea dell’Oms che hanno assistito ad un aumento del  50% dei casi nell’ultima settimana. 
 

Vaccino a dicembre
Intanto secondo il premier Conte, «se le ultime fasi di preparazione del vaccino Oxford-Irbm Pomezia-Astrazeneca saranno completate nelle prossime settimane, le prime dosi saranno disponibili all’inizio di dicembre».

Articoli Correlati
Fatti&Storie