Fatti&Storie

Verona, batterio killer nei rubinetti dell'ospedale

BATTERIO KILLER

VERONA Dopo un serrato lavoro d'indagine è stata svelata la causa delle morti in corsia di quattro bambini appena nati. È stata infatti trovata in un rubinetto dell'ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento, a Verona, la causa del decesso di quattro neonati e della malattia di altri 96, tra la fine del 2018 e l'inizio di quest'anno. Lì, probabilmente a causa della scarsa igiene, si era infatti annidato il Citrobacter. E quanto emerge dalla relazione della commissione d'inchiesta nominata dalla Regione Veneto.

La relazione, come confermato dal governatore Luca Zaia, verrà ora consegnata alla Procura della Repubblica per l'apertura di un'inchiesta. I primi controlli da parte dei vertici dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Verona erano stati avviati lo scorso gennaio poi erano stati interrotti a causa dell'emergenza Coronavirus. Il reparto di Ostetricia - Punto nascite, Terapia intensiva neonatale e Terapia intensiva pediatrica, dopo la completa sanificazione, è stato riaperto oggi.

(Foto: Borgotentoverona.org)

Fatti&Storie