Fatti&Storie

Meno spesa e solo Italia Così è cambiata la vacanza

Vacanze

Gli italiani quest'anno sono restati in Italia e, per le vacanze all'estero, hanno speso quasi un quarto in meno del 2019. A stimarlo l'app finanziaria Revolut, che ha analizzato le spese che oltre 400.000 clienti italiani hanno effettuato durante l’estate e le ha confrontate con quelle dello stesso periodo del 2019. "In dati evidenziano che i viaggi verso altri Paesi sono stati impattati in modo significativo dalle restrizioni e dal timore del contagio da Covid-19, con il 70% in meno di italiani che hanno viaggiato all’estero quest’anno", sottolinea Revolut. Tra giugno e agosto 2019 i viaggiatori hanno scelto come destinazioni principali per le proprie  vacanze all’estero rispettivamente il Regno Unito, la Spagna e gli Stati Uniti mentre nel 2020 le mete più popolari sono state Francia, Regno Unito e Svizzera.

La Spagna, solitamente tra le destinazioni estive preferite dagli italiani, quest’anno è scivolata al quarto posto. "Nell’estate 2020 gli italiani hanno speso all’estero una media di 536 euro a persona mentre lo scorso anno la spesa ammontava a 659 euro, il 23% in più", aggiunge il report. Anche il comportamento dei 'vacanzieri' è cambiato: dopo aver trascorso quasi tre mesi in casa a causa del lockdown e delle restrizioni, i clienti italiani di Revolut, per le vacanze, hanno optato per alloggi più isolati rispetto agli hotel. La cifra spesa per gli alberghi è diminuita del 12% nel 2020 mentre quella relativa agli appartamenti, incluso Airbnb, è aumentata del 33%. Oltre a scegliere strutture meno “affollate”, gli italiani hanno anche preferito cucinare a casa e ridurre le visite ai ristoranti durante le vacanze all’estero: la spesa presso i supermercati è aumentata del 44% mentre quella presso i ristoranti è diminuita del 23%, rispetto al 2019. E infine anche il noleggio auto ha assistito a un aumento del 20% rispetto allo scorso anno, a dimostrazione del fatto che le persone hanno preferito utilizzare un mezzo di trasporto privato anziché usare treni, bus e aerei, ove possibile. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie