Fatti&Storie

Due notti nel crepaccio salvata turista non equipaggiata

Monte Rosa

Con un paio di pantaloncini e senza attrezzatura adeguata, un'escursionista russa residente in Germania è sopravvissuta due giorni e due notti in un crepaccio profondo oltre 10 metri sul versante svizzero del massiccio del Monte Rosa. E' caduta mentre procedeva da sola e nessuno la cercava, dal momento che non era stato dato alcun allarme. A trovarla in modo fortuito, dice la scuola di volo Air Zermatt, sono stati alcuni alpinisti di passaggio. Non risultava ferita, aveva un lieve ipotermia (34°C) ed è stata spostata all’ospedale più vicino con l’elicottero di soccorso.

Fatti&Storie