Troppo caldo, rischio alto per oltre 4 milioni di over 80

  • Meteo

I drastici sbalzi di temperatura fra l’aria torrida all’aperto e quella più fredda dei locali climatizzati mettono a rischio la salute di oltre 4,4 milioni di italiani over 80. E’ quanto emerge da una analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Istat in riferimento all’ultima ondata di caldo africano con temperature fino a 40 gradi e allerta rossa in diverse città della Penisola, da Roma a Bologna, da Torino a Firenze, da Campobasso a Pescara, da Rieti a Frosinone, da Bolzano a Perugia.

Anziani. Ad avere i problemi maggiori sono i grandi anziani, fra i più esposti ai colpi di calore visto che - sottolinea Uecoop - hanno un sistema di termoregolazione meno efficiente, manifestano con maggiore facilità i sintomi dell’ipertermia e hanno una più alta vulnerabilità alle malattie respiratorie. Senza dimenticare che in genere gli anziani – evidenzia Uecoop - hanno una minore percezione del bisogno di bere per idratarsi soprattutto con le alte temperature estive. Nei grandi centri urbani l’incremento del rischio malori raggiunge il 50% per i soggetti con più di 85 anni e per vedovi, separati e divorziati spiega Uecoop sulla base di uno studio del Dipartimento della Protezione Civile per la prevenzione ondate di calore. Negli ultimi anni gli shock termici fra abitazioni e ambienti esterni sono stati accentuati dai cambiamenti climatici che – conclude Uecoop – hanno portato a modificare le modalità di assistenza da parte delle cooperative e degli operatori specializzati con una maggiore attenzione ai comportamenti e agli stili di vita dei pazienti rispetto a alimentazione, abitazioni e stanze da letto, uso dei condizionatori e precauzioni sulle passeggiate all’aperto.

Articoli Correlati

Arriva il sole ma per pocoDa lunedì freddo e pioggia

Weekend bello, ma da lunedì piogge, temporali e freddo. E non si esclude il ritorno della neve

Il caldo solo a maggioPer ora freddo e pioggia

Vortice ciclonico: freddo, pioggia e neve sull'Italia. Per il caldo bisognerà aspettare maggio

La neve di primaveraimbianca la Ciociaria

Il brusco calo termico ha riportato neve in Ciociaria: imbiancato anche Montecassino