Occupazione, da febbraio scesa di 600mila posti

  • Lavoro

Da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di circa 600 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono diminuite di 160 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di oltre 700 mila unità. Lo rileva l'istat nel Flash su occupati e disoccupati di giugno. In quattro mesi - spiega l'istituto - il tasso di occupazione perde un punto e mezzo, mentre quello di disoccupazione, col dato di giugno, si riavvicina ai livelli di febbraio.

Giugno.  A giugno l’occupazione diminuisce su base mensile dello 0,2% pari a -46 mila unità. Lo riferisce l'Istat, sottolineando che rispetto a maggio prosegue, a ritmo meno sostenuto, la diminuzione dell’occupazione e la crescita del numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un calo dell’inattività. Continua anche il recupero del numero di ore lavorate pro capite.   Il calo dell'occupazione coinvolge le donne (-0,9% pari a -86 mila), che vedono aumentare anche il tasso di inattività; i dipendenti permanenti (-0,4% pari a -60 mila) e gli under50, mentre gli occupati aumentano tra gli uomini (+0,3% pari a +39 mila), i dipendenti a termine, gli indipendenti e gli ultracinquantenni.  Nel complesso, il tasso di occupazione scende lievemente, attestandosi al 57,5% (-0,1 punti percentuali).

Articoli Correlati

Univendita, dubbi sul Pnnr"Aiutiamo i giovani imprenditori"

Ciro Sinatra, presidente di Univendita, la maggiore associazione del settore vendita a domicilio, vuole che si favorisca il percorso di chi vuole intraprendere

Assunzioni a -28%Nel privato -124mila posti

Nei primi due mesi del 2021 le assunzioni riferite ai soli datori di lavoro privati sono state 835.000

Il master, carta in piùper trovare lavoro

La formazione continua ad essere il passaporto per un lavoro anche in un momento così delicato