Fatti&Storie

Uccide madre e padre e poi vaga sporco di sangue

TORINO

Mirafiori Ha ucciso i genitori nella sua casa di via Biscarra nel quartiere Mirafiori ed è fuggito in strada pieno di sangue. Quando i carabinieri lo hanno fermato al capolinea della metro Fermi a Collegno, il giovane, D.F., 30 anni, con un passato con problemi psichici era in stato confusionale. Solo in caserma, davanti ai militari, ha confessato il duplice omicidio del padre di 69 anni P.F., pensionato e in passato dipendente di banca, e della madre, sessantenne, M.V., impiegata ministeriale. Stando alle prime ricostruzioni dei militari, che sono intervenuti nell’appartamento, luogo della tragedia, lunedì pomeriggio i genitori erano andati a trovare il figlio, che era solito non uscire di casa. A quel punto sarebbe scoppiata la lite: il delitto sarebbe avvenuto verso le 16, il giovane li avrebbe uccisi con dei coltelli da cucina.

Poi, in uno stato confusionale, sarebbe salito sull’auto della madre e avrebbe iniziato a vagare per la città, finché non è stato notato vicino alla metro poco prima di mezzanotte. Il sospetto iniziale è che si trattasse di un ladro ma i carabinieri hanno notato le mani sporche di sangue. Si sta indagando sul movente, il trentenne soffriva di problemi psichiatrici e sarebbe stato per un lungo periodo in cura per manie di persecuzione. I vicini hanno raccontato che erano mesi che non usciva, da quando aveva subito un’aggressione. Cristina Palazzo

Articoli Correlati
Fatti&Storie