Fatti&Storie

Smart working, per la PA arriverà fino a fine anno

Coronavirus fase 3

Proroga dello smart working nelle pubbliche amministrazioni fino al 31 dicembre per il 50%  dei dipendenti che svolgono attività eseguibili da remoto. Lo prevede un emendamento al dl rilancio approvato in commissione Bilancio della Camera. La proposta di modifica stabilisce inoltre che entro il 31 dicembre di ciascun anno, le amministrazioni pubbliche "redigono, sentite le organizzazioni sindacali, il Piano organizzativo del lavoro agile (Pola)" che individua le modalità attuative del lavoro agile prevedendo, per le attività che possono essere svolte in tale modalità, che almeno il 60 per cento dei dipendenti possa avvalersene.

Articoli Correlati
Fatti&Storie