Strade più sicure col “bottino” delle multe 2014

  • Torino/Comune

TORINO  Il “bottino” è di 33 milioni e 350 mila euro e il 60% sarà destinato a rendere le strade cittadine più sicure. Il “bottino” in questione è nelle casse del Comune ed è stato ottenuto grazie alle multe pagate nel corso del 2014 da automobilisti e motociclisti indisciplinati che hanno violato il codice della strada.

La destinazione d'uso di quei soldi è prevista dalla legge, ma nella norma si parla di 50% di tutte le sanzioni amministrative, quota che sale al 100% se la violazione è accertata con sistemi elettronici e a distanza.

In Giunta, invece, è passata una delibera nella quale è stato deciso di investire non il 50 ma il 60% dei 31 milioni e 900 mila euro delle sanzioni per violazione del Codice della strada, più il milione e 450 mila euro di quelle accertate con sistemi elettronici.

Deciso anche come investire queste risorse. Il milione e 450 mila incassato grazie a telecamere e velox sarà destinato a finanziare una parte del servizio di viabilità invernale, mentre quanto incassato dalle altre sanzioni andrà, per 6 milioni e 400 mila euro, ad aggiustare impianti semaforici e su interventi di pianificazione e trasporto; altri 4 milioni e 100 mila euro saranno destinati alle spese per il personale, interventi di istituto e sedi della Polizia municipale.

Infine 8 milioni e mezzo di euro sono destinati a interventi di manutenzione strade, ponti e cavalcavia, per servizi di illuminazione pubblica. Il piano prevede anche interventi per trasporto disabili, progetti educativi e servizi di trasporto per le scuole, formazione professionale della Polizia municipale e  altri servizi.

REBECCA ANVERSA

 

Articoli Correlati
Torino/Comune

Mense: persi 1 milione di pasti l'anno

È l'effetto della sentenza sul “diritto al panino”. A rischio 100 posti di lavoro
Torino/Comune

Ztl con lo sconto per i veicoli green

La giunta mira al ricambio dei veicoli più inquinanti. Al via anche gli interventi nelle periferie
Torino/Comune

La Corte dei conti «Quel buco c'era»

I magistrati contabili danno ragione ad Appendino, ma Fassino non ci sta. Intanto il Sindaco incassa l'attacco di Giannuzzi.