News

COS SMASCHERO I TASSI DA USURA

A Forlì ventisette persone, tra banchieri, dirigenti e membri dei cda sono indagati per usura in seguito all'esposto di un imprenditore che ritiene spropositati i tassi applicati dalle banche. A fare i calcoli che accerterebbero tassi superiori alla soglia usuraria è un ex discografico di Savona, ai tempi collaboratore di Funari, trasformatosi in castigamatti dei banchieri. «Ho vissuto sulla mia pelle l'oppressione del sistema bancario - racconta Giorgio Vincis, 65 anni -  Nel '95 ero scoperto di 500 milioni ma avevo 600 milioni in titoli. Ero tranquillo e invece la banca ha cominciato a mettermi alle strette. Così ho deciso di controllare i tassi e ho scoperto che in realtà non ero in debito, ma in credito. Dopo anni di battaglie non solo il mio scoperto è stato azzerato, ma la banca è stata condannata per usura e mi ha dovuto ridare indietro un po' di soldi». A Vincis è piaciuto talmente tanto vincere che nel frattempo si è laureato in tecnica bancaria, ha mollato la discografia e ha aperto una società specializzata in ricalcoli finanziari. Ha un algoritmo segreto?Applico alla lettera la legge e non le formule truffa avvallate anche dalla Banca d'Italia, che come sa è stata privatizzata.Percentuale di successi?Cento per cento, le volte che ho perso in primo grado ho sempre vinto in appello, ma la verità è che ormai ci si ferma prima e le banche transano.   Chi e quanti sono i suoi clienti?Sono migliaia. Non le posso dire i nomi ma parliamo della più grande azienda italiana, della più grande azienda televisiva milanese. Anche un partito, per il quale abbiamo concluso proprio adesso una transazione con un grosso istituto che ha dovuto annullare un presunto debito di 446mila euro e restituirne 270mila. Mi spieghi come funzionano i suoi calcoli.Per esempio ho qui un fascicolo: rispetto al tasso presunto del 14,30 quello reale applicato è del 74,07 %, altro che usura lei capisce. Sa quante aziende ho salvato.Una specie di Robin Hood, ma lei ci guadagna anche.Certo, ma le assicuro che i miei clienti sono contenti. Paola Rizzi@paolarizzimanca  

News