News

Omicidio suicidio prima dello sfratto

Milano. Li hanno trovati ieri mattina, lei sul divano, lui sul pavimento dell’appartamento dal quale stavano per essere sfrattati, entrambi morti, in quello che secondo gli inquirenti è con ogni probabilità un caso di omicidio-suicidio. È successo in uno stabile a Besate, un comune in provincia di Milano che nel 2006 era risultato il più ricco d’Italia per reddito. La coppia, invece, versava in una situazione economica gravissima: l'uomo, 52 anni, era alcolizzato e da tempo disoccupato e la donna, 51 anni, era affetto da problemi psichiatrici. Secondo le prime ricostruzioni lui l'avrebbe strangolata e poi si sarebbe tolto la vita. In casa è stato trovato un  biglietto in cui l'uomo chiede di cremare i corpi e che qualcuno si prenda cura dei loro due cani. I due non avevano figli. Il 52enne era originario del luogo,  mentre la moglie era  nata a Trapani. I carabinieri della compagnia di Abbiategrasso hanno fatto sapere che la situazione della coppia era nota ai servizi sociali di Besate. A trovare i corpi è stato un muratore incaricato dal padrone di casa di realizzare dei lavori in vista dello sfratto. Sulla porta c'era un messaggio che invitava a entrare, con scritto “la porta è aperta”.
 
(Metro)
 

News