Fatti&Storie

Tagli ai trasporti La marcia in citt

Comuni e Province del Piemonte chiedono di rivedere i tagli al trasporto pubblico locale, un servizio utilizzato da 40 milioni di passeggeri, con 50 milioni di chilometri di percorsi. Per questo oggi alle 10:30 gli amministratori locali, i titolari e i lavoratori delle imprese aderenti all'Anav raggiungeranno a bordo di autobus piazza Castello per manifestare contro i tagli a un settore che in Piemonte dà lavoro a 10 mila dipendenti.
In tutto una quarantina di mezzi che dalla sede della Provincia, in corso Inghilterra, marceranno fin sotto le finestre della giunta per sottolineare che la sforbiciata del 28%, da 600 a 485 milioni, non è sostenibile. «Il sistema di trasporto pubblico locale piemontese è uno dei più efficienti d'Italia e i costi unitari sono tra i più bassi del Paese» dicono in una nota gli addetti al settore.
Dal canto suo il presidente della Regione, Roberto Cota, ha cinguettato su Twitter la risposta che darà agli amministratori locali che cingeranno d'assedio il palazzo della giunta. “Non è la Regione che taglia i fondi. È lo Stato che ha stabilito, attraverso una quota del fondo unico nazionale, l'importo che deve essere assegnato al Piemonte. Questo importo è pari a 486 milioni» ha scritto Cota, che ha anche aggiunto che la Regione punta a una ristrutturazione del settore.
(Rebecca Anversa)

Fatti&Storie