Sport

Scommesse scossa in B e Lega Pro Le Procure Pronti altri passi

Il terremoto è un’onda che travolge tutto: beh, è arrivato. L’onda di deferimenti della giustizia sportiva della Figc,nell’ambito del Calcioscommesse sul quale ben tre procure stanno indagando dal lato penale, ha squassato le fondamenda di 2 tornei. E si appresta a fare altrettanto con la A. Ieri la partenza dei deferimenti: 22 società e 61 persone tra cui  52 calciatori in  attività al momento delle contestazioni. Poi 2 calciatori non attivi; 4 dirigenti o collaboratori di società; 3 tecnici, di cui 2  in attività al momento delle rispettive contestazioni. Si parla di 33 partite: 29 di B, 2 di Tim Cup, 2 di Coppa Italia di Lega Pro. Voci parlerebbero di club come  Atalanta, Novara e Siena. Sarebbero inseriti in questa tranche (derivante dalla procura di Cremona) perchè al tempo erano in  B. Tremano AlbinoLeffe, Ascoli, Bari, Crotone, Grosseto, Livorno, Modena, Padova, Reggina, Torino, Varese e Verona. Perché? Oggi lo sapremo a deferimenti “esplicitati”. La deduzione su questi club nasce dai verbali cremonesi degli interrogatori di Carobbio e Gervasoni.  E in Lega Pro? Stesso marasma. Il futurovedrebbe, inoltre,  tre procure pronte ad allargare insieme il campo delle proprie indagini e dei provvedimenti (si parla con insistenza di ulteriori arresti, ndr). Ci sarebbe  di più: il coinvolgimento sportivo di altre squadre e tesserati di A. E i processi sportivi? Inizieranno per la B proprio in zona playoff. Per la A nel periodo di iscrizione alle coppe. Con probabilissimo effetto caos sulle sentenze.francesco Facchinitwitter:@frafacchini

Sport