Sport

Conte dopo lo scudetto vede oltre la Juventus

Elia annuncia di volere lasciare la Juve: nessuno lo rimpiangerà. Conte si appresta invece a discutere l’allungamento del contratto oltre il 2013 ma spiega a ‘Sette’, in edicola domani, che «voglio continuare a crescere, a stupire me stesso e gli altri. La Juventus non è un punto di arrivo. Tutto per me è un punto di partenza». Un modo per fare capire che nella vita bisogna sempre puntare al top e mai accontentarsi. «Non ho mai pensato di essere un grandissimo giocatore, ma ho sempre saputo che sarei diventato un allenatore. Era una vocazione: sono porta to a dare un indirizzo, un metodo. Il calcio è un'ossessione, arrivo a casa e hola tv accesa. E poi leggo: storie di grandi uomini e di chi ha fatto la Storia.Mi serve per ampliare il mio bagaglio di motivazioni». Incontentabile, appunto.
(D. L.)

Sport