Mannarino a Milano e Padova con "Al Monte Live" - VideoIntervista

Meteo
 


Ho incontrato Mannarino al Teatro Brancaccio prima di un grande concerto sold-out nella Capitale.

Di Mannarino conquistano la parlata squisitamente romana, la profondità di pensiero e le storie che racconta ad un pubblico variegato ma unito dalla passione per la musica cantautorale di qualità, che fotografa il momento attuale anche grazie all'uso di metafore e poesia.

Mannarino ci ha raccontato: "Vedo un pubblico molto variegato, c’è differenza sia d’età, ci sono bambini, molto piccoli, uomini, donne, anziani… è un pubblico diverso… stranissimo, non ti so dire chi viene in maggior parte… e forse questo è proprio il bello, perché forse quello che faccio è più universale di quanto credo"

Iniziativa degna di lode che sottolineamo anche in questo spazio è quella che vede, per venire incontro a chi volesse passare una serata diversa ma non ne avesse tutte le possibilità, di usufruire di un biglietto agevolato a 10 euro dedicato a chi è inoccupato. Ogni serata ha a disposizione 100 di questi biglietti.

Le prossime date dei concerti sono il 30 novembre a Milano e a Padova il 6 dicembre.

Mannarino spiega: "Beh, sono diversi anni che vado a cantare al Nord, a Milano, Padova, Genova… anche al Sud… e una cosa curiosa è sentire le poche canzoni che ho in romanesco cantate in romanesco sì, ma con un accento differente. Poi quello che mi piace è capire che c’è qualcosa sotto, che valica le frontiere regionali… ma ora devo dire la verità voglio andare a suonare un po’ all’estero per capire che emozione proverò"

Questa la band che accompagnerà MANNARINO: Daniela Savoldi (violoncello); Nicolò Pagani (contrabbasso); Alessandro Chimienti (Chitarre); Mauro Menegazzi (Fisarmonica e tastiere); Simona Sciacca (Cori); Marco Monaco (batteria); Renato Vecchio (sax); Daniele Leucci (percussioni); Antonino Vitali (Tromba); Giovanni Risitano (Chitarre); Adriana Ester Gallo (violino e viola).

Per il resto dell'intervista cliccate play.

Mannarino AlMonteLive Intervista Metro

Blog di: 
Francesco Foderà