Meteo
 


Fatti&Storie

Addio a Jole Santelli presidente della Regione Calabria

Lutto

ROMA. È morta Jole Santelli, presidente della Regione Calabria. La 52enne governatrice, malata di cancro, avrebbe avuto un malore nella notte. La presidente, che ieri aveva avuto degli incontri istituzionali, si trovava nella sua casa in pieno centro a Cosenza. Domani, venerdì 16 ottobre, alle ore 10.30, il feretro  sarà trasferito nella Chiesa di San Nicola a Cosenza, dove, alle ore 16.30, sarà celebrata la cerimonia funebre in forma strettamente privata. Sabato  dalle ore 9 alle ore 15, sarà allestita una  camera ardente in Cittadella regionale a Catanzaro, per consentire a quanti vorranno di renderle omaggio.  

Il cordoglio della politica

“Fino all'ultimo, nonostante la malattia, Jole si è spesa per la sua terra» dice commosso   il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, legato alla governatrice della Calabria da una ''profonda amicizia''. 

"Una donna forte e generosa. Mancherà". Così il ministro per il Sud, Peppe Provenzano ricorda la presidente della Regione Calabria Jole Santelli morta oggi a soli 51 anni. Un lutto che colpisce tutto il mondo politico in maniera trasversale. ''Sono sconvolta e molta turbata - afferma il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli - . E' stata una mia avversaria politica E' stata una donna forte che ha affrontato un calvario importante. Sono vicina alla sua famiglia''.

"Profondo cordoglio per la prematura scomparsa della presidente della Regione Calabria", viene espresso anche dal presidente del Parlamento Europeo David Sassoli.

E tutto il centrodestra si stringe in lutto per quella che Maurizio Gasparri definisce "una sorella, una militante, un'amica per me, siamo tutti quanti stravolti". In lacrime guarda la loro ultima foto, abbracciati, scattata insieme a settembre scorso in Puglia. "Aveva avuto problemi - conclude il senatore di Forza Italia - ma li aveva gestiti e superati. E' un fulmine a ciel sereno". Anche la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni si dice sconvolta dalla notizia: "Ci lascia un'amica, una donna coraggiosa, un politico fiero e orgoglioso delle sue idee, che ha combattuto tutta la vita per la sua terra e per offrire una occasione di riscatto alla Calabria".

"Andarsene a soli 51 anni - scrive su Facebook Matteo Salvini - dopo aver lavorato per la tua gente, con il sorriso, fino a poche ore fa. La Calabria e l’Italia ti abbracciano Jole, una preghiera per te e un pensiero alla tua famiglia, ai tuoi amici e a tutta la tua comunità".

Anche il leader di Iv Matteo Renzi esprime "un pensiero commosso" per "una donna che ha dimostrato di essere una grande combattente. Le mie condoglianze più sentite alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi di Forza Italia".

Una morte che ha "colpito e addolorato" anche il segretario Pd Nicola Zingaretti. "Era una donna tenace e appassionata - ricorda il leader Dem - che ha combattuto a lungo. Alla sua famiglia e alla comunità che rappresentava, a tutti i suoi concittadini, vanno il nostro pensiero e la vicinanza dei Democratici".

 

Prima donna presidente in Calabria

Presidente della Regione Calabria dal 15 febbraio di quest'anno, e prima donna a ricoprire tale ruolo dopo aver vinto per il centrodestra le elezioni del 26 gennaio 2020, Santelli era nata a Cosenza il 28 dicembre 1968. Militante di Forza Italia dal 1994, considerata berlusconiana di ferro, si era laureata in Giurisprudenza a La Sapienza di Roma.

E' stata deputata azzurra dal 2001 al 2020, e vice presidente della commissione Affari costituzionali, coordinatrice Fi della Calabria, nonché sottosegretaria di Stato alla Giustizia dal 2001 al 2006 nei governi Berlusconi II e III.

Ha ricoperto anche il ruolo di sottosegretaria al Ministero del lavoro e delle politiche sociali da maggio a dicembre 2013 nel Governo Letta. Dal 28 giugno 2016 ha svolto, inoltre, gli incarichi di vice sindaco e assessore alla Cultura della città di Cosenza nella giunta guidata dal Sindaco Mario Occhiuto.

 

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie