Meteo
 


Spettacoli

Bruce: «In Letter To You racconto la vita meravigliosa»

Bruce Springsteen

MUSICA Il 23 ottobre esce Letter to You, nuovo lavoro di Bruce Springsteen, realizzato insieme alla E Street Band, 20° album in studio dell’artista, registrato nella sua casa in New Jersey. 12 tracce per un disco rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound della E Street Band. E il 23 su Apple Tv andrà in onda anche il docu Bruce Springsteen’s Letter to You. 

 

 

Letter to You: qual è stato il catalizzatore per scrivere questa lettera?
«Beh, mi sentivo come se volessi fare un disco con la E Street Band, ma non scrivevo nessuna canzone della Band da 7 anni. Avevo scritto altra musica: Western Stars, Wrecking Ball, ma non musica per la band. Non importa quante volte l’hai fatto, sei sempre pieno dell’ansia tipo “Posso farlo di nuovo?”. Perché non sai se quella particolare musa ti visiterà! In estate ho fatto visita a un vecchio amico molto malato. Lui e io eravamo gli ultimi 2 membri della mia prima band rimasti in vita. È morto pochi giorni dopo, e questo mi ha lasciato come l’ultimo membro della mia primissima band. La maggior parte dei ragazzi è morta piuttosto giovane... Così ho iniziato a scrivere riferendomi a episodi che risalgono a quando avevo 14 anni. Il tipo di record si estende su un ampio arco di tempo. Richiede la mia 1a band, l’attuale e fondamentalmente ciò che ho imparato tra i 17 e i 70!».  

È stato molto! 
«Sì, spero che lo sia stato, hahaha! Quindi il record affronta i temi della perdita, la gioia di suonare, la vita meravigliosa di fare musica in una band rock, lo strano tipo di fratellanza in cui ti trovi da giovane, il che significa 45 anni dopo giochi ancora con le stesse persone con cui andavi al liceo! È stata solo un’esperienza che ha ispirato la scrittura del disco, e in 10 giorni ho scritto tutte le canzoni!». 

Come un fiume in piena.  
«Sì, poi ho fatto entrare la band e le abbiamo registrate in 5. Abbiamo fatto 2 canzoni al giorno, 3 ore una canzone, e alla fine di 4-55 giorni, avevamo il nostro record».  

La prima volta che registrate il disco in questo modo? 
«Sì, non l’avevamo fatto davvero su Born To Run. L’intera band è entrata, ha suonato la canzone una volta, mantenuto ciò che c’era, inclusa la voce che ho cantato al momento. Ci sono pochissime sovraincisioni, solo alcune chitarre twang e poco altro. È stato molto, molto eccitante».
Si sente quell’energia ascoltandolo...
«45 anni con le stesse persone. Hai vissuto la tua vita con loro, nel bene e nel male. Gli ultimi 20 anni in cui abbiamo suonato insieme sono stati i migliori e più pacifici di tutta la nostra vita lavorativa. È un piacere vedere i ragazzi. Adoro vederli e il modo in cui suonano. La fratellanza naturale che deriva dall’esibirsi insieme mille e una notte sul palco, è una sensazione meravigliosa e una benedizione a questo punto nella mia vita. Lo auguro a tutti, ma le relazioni di 45 anni non sono facili da avere». 

Il viaggio attraverso le canzoni: da dove è iniziato?
«Stavo incidendo una vecchia melodia per un Record Store Day... Così ho pensato: “Taglierò uno dei miei vecchi brani”. L’ho tagliato con la band e suonava così bene che ho detto “Questo potrebbe non essere da regalare!”».

La prima traccia scritta? 
«Last Man Standing, perché volevo andare dritto al sodo: essere l’ultimo sopravvissuto della mia prima band. Gli altri sono arrivati nella settimana successiva. Ho capito che avrei scritto di musica rock, e di gruppi rock. Perdere i tuoi amici, come ci si sente...».  

Ha registrato senza un paio dei suoi amici e compagni di lunga data, Clarence in particolare. Parleremo con Thom di questo film, ma all’interno del film, dove sta quasi dirigendo Jake... Deve essere stato difficile iniziare, senza Danny e Clarence e fare un disco di E Street senza di loro.  
«Jake è stato meraviglioso nel mettersi nei panni grandi che erano quelli di Clarence. In parte, il fatto che fosse imparentato con la famiglia ha aiutato molto. L’altra parte è che lui è solo ... la sua personalità, la sua anima, la sua dolcezza e la sua dedizione a prendere quella posizione e a onorarla, mentre allo stesso tempo la riempie con il suo stesso spirito. Fa un ottimo lavoro. Ho sempre diretto Clarence in quel modo, quindi è stato bello avere la possibilità di farlo di nuovo con Jake». 

È nei geni, decisamente! I geni Clemons!  
«Sì! Suona alla grande!»

Com’è quando entrate tutti in studio per la prima volta dopo così tanti anni, prendere in mano gli strumenti e iniziare con un nuovo disco?  
«Beh, quasi la prima cosa che accade è che le persone raccontano vecchie storie. “Ti ricordi quando eravamo sull'autobus e il bagno si è rovesciato e ha iniziato ad andare verso il tuo letto?” Raccontiamo storie di strada e ridiamo per circa 30 minuti. Ed è un modo in cui ci uniamo di nuovo insieme, subito prima di suonare. E poi andiamo a giocare!». 

Il modo in cui ha registrato il disco, con l’emozione e l’energia dal vivo, potrebbe non arrivare non potendo andare in tour.   
«Ma puoi vederci nel film, ci stiamo preparando per partire... Ci stiamo già congratulando per quanto sarà bello il tour, non sapendo che non ce ne sarebbe stato uno! Di solito in questo momento ci prepariamo per andare in tour, quindi è una grande perdita. Ma il fatto che il disco fosse live, e che stia uscendo, e il film è lì, e le persone vedranno la band suonare, stiamo facendo del nostro meglio per trovare modi per alleviare parte della frustrazione di non avere la capacità per uscire e giocare immediatamente».

Thom Zimny (che Bruce saluta come “Mio fratello!”, ndr) che ha lavorato con Bruce per così tanto tempo: quando è nata l’idea che questo fosse un film per accompagnare questo album? 
Thom: «Come tutti i miei progetti con Bruce, questo è avvenuto in una fredda giornata invernale. Mi aveva chiamato per venire a casa e mi ha detto che aveva delle nuove canzoni. Hanno affrontato un po’i Castiles, alcuni con la band, e hanno davvero dato un tono. Ci siamo seduti vicino al fuoco e molto di quel tono si riflette nel film. Solo quella conversazione mi è rimasta profondamente impressa. Non c’erano molte discussioni su testi, contenuti o temi, ma avevamo ascoltato musica pop degli Anni ‘60 in sottofondo. Era una fredda, classica giornata del New Jersey. E poi sono arrivato in quello spazio come regista per testimoniare per me qualcosa che non posso esprimere a parole, ma è magico, che è la E Street Band che arriva tutta in una volta. Patti e Bruce in arrivo, la band che si unisce ... E poi è successa questa cosa, io che cercavo di stare fuori mano e catturare qualcosa che non posso esprimere a parole, che è la bellezza di quel rapporto della band, Jon Landau, il potere di queste parole ... ho finito per modificarlo e trovarmi nello spazio in cui ho davvero colto i dettagli di questa collaborazione e di questo incredibile momento che si è svolto davanti a me. Quindi ho solo cercato di essere presente nel momento. La musica e le parole mi hanno guidato nel corso degli anni e ovviamente il dialogo che ho con Bruce... E lo spazio in sé è piuttosto magico, lo studio è fantastico. Proprio come la stalla, era una cosa che ho abbracciato. E la storia della E Street è intorno allo studio: mentre ti guardi intorno, vedi le tastiere di Danny».  

Per la troupe non interferire con voi ragazzi che venite filmati per tutto il tempo mentre stavate creando. 
«Avevamo una regola molto semplice: il record viene prima. La registrazione viene prima. I musicisti vengono prima. Ed è iniziato con Thom: “Puoi essere qui, ma non intralciare nulla!”. Thom è così bravo e Joe è così bravo in quel che fanno - Joe DeSalvo, il nostro direttore della fotografia - e letteralmente sono stati lì per 5 giorni. C’erano telecamere dappertutto e musicisti dappertutto. Ma hanno raccolto filmati incredibili e non hanno mai arruffato una piuma né hanno influenzato il processo di registrazione. Quindi per questo devo ringraziare Thom, il signor Thom Zimny». 

La decisione di girarlo anche in bianco e nero dà un'emozione in più. C’è anche una bella narrazione nel film. La narrazione della realizzazione del disco e la band con le sue relazioniSono due belle narrazioni che lavorano in sinergia tra loro.  
«Sì, le sezioni parlate sono molto importanti. Funzionano come meditazioni su ciò che stai guardando. Vedrai qualcosa, o starai per vedere qualcosa, ci sarà una breve meditazione sull’essenza di ciò che è, e poi sarà lì, in azione, davanti ai tuoi occhi. Fondamentalmente attraversiamo il film con quella forma. Una forma che abbiamo iniziato in un film che abbiamo realizzato insieme chiamato Western Stars, dove c’è musica e poi c’è la contemplazione di idee più profonde su cosa significano le canzoni, cosa significava il viaggio per te. E ho appena iniziato a scrivere, scrivere quei pezzi di parole pronunciate, e sono appena entrato, li ho pronunciati nel microfono, e poi li abbiamo incisi sotto, il che è molto importante: la musica sotto ha una sensazione reale. Questo funziona insieme per creare qualcosa che è molto più di un film concerto. È più di un documentario. È a metà tra documentario e film d’arte. Un ibrido di forme che penso funzionino bene insieme e dovrebbero essere interessanti per il pubblico. Mi permette di espandere l’argomento del disco fino all'infinito. Ho molta libertà su ciò su cui voglio meditare e di cui parlare».

A molti artisti non piace decostruire i loro testi e parlare del significato, delle idee, delle storie dietro le canzoni. Il film l’ha incoraggiata a sbucciare le cose e guardarle in un modo diverso?  
«Il film m’incoraggia a espandere i miei pensieri sulle canzoni, perché so che parlerò di loro. Quindi guarderò più a fondo e penserò: “Cosa stavo cercando di ottenere in questa canzone? Stavo dicendo qualcosa? Mi stavo solo divertendo con le parole? Cosa stavo facendo esattamente?”. Ho esaminato ogni canzone un po’ più a fondo e questo diventa il contenuto delle sezioni parlate. Si spera che dia alle persone un’idea del brano musicale che stanno per ascoltare».  

Thom, lei apeva esattamente come volevi che il film fosse e che offrisse, prima di iniziare a girarlo? 
Thom: «Uno dei documenti che ho realizzato è stato Born To Run e poi il docu Darkness On The Edge Of Town li uso come riferimenti mentali. Questo film, non sapevo dove sarebbe andato a finire, ma sapevo che non volevo ripetere una lingua che avevamo esplorato prima. Cerco di cogliere ciò che la voce fuori campo mi sta portando, e la musica ... rispondo a queste parole in un modo molto simile al modo in cui il libro recitava nel mio mondo con lo spettacolo di Broadway, con le star occidentali ... Sto rispondendo ai testi, alla voce fuori campo e sono davvero sollevato dal fatto che non ho alcun preconcetto su “questo è quello che farò”. L’idea del bianco e nero è nata da quella conversazione prima che entrassimo in studio». 

È una visione così bella e speciale di come collabora anche come band. Il modo in cui conversate tra di voi e vi ascoltate a vicenda.
Bruce: «Sì. Facciamo una buona dose d’impollinazione incrociata una volta entrati in studio! Qualcuno dirà: Ehi, lo spruzzerò sopra”, qualcun altro lo spruzzerà su di esso, qualcun altro potrebbe avere un’idea qui, e in studio, mentre siamo attivi... Ma Thom è essenziale. Con me ha fatto il film di Springsteen a Broadway un lavoro fantastico. Thom ha un meccanismo di guida interiore che lo conduce sempre agli aspetti più essenziali di ciò che stiamo facendo. Non mi preoccupo della mia scelta perché so che il 99,9% delle volte, se guardiamo a pezzi di film simili, Thom sceglierà quello che scelgo io, siamo così collegati. In caso contrario, sceglierà qualcosa che è meglio di quanto avrei scelto. Abbiamo una relazione molto simpatica e lavoriamo con Thom, e in particolare quando l’abbiamo sviluppata negli ultimi 10-15, non lo so, forse più di 20 anni?»  
A sproposito: il programma radiofonico, Bruce, è eccezionale!  
«Hahaha! (se la ride il Boss, ndr). È stata una grazia salvifica nonostante questo scenario Covid in cui ci troviamo». 

Quasi un vaccino qnti-Covid, è perfetto! C’era una storia su un fan italiano e una chitarra che ti hanno dato. Una piccola storia su una chitarra acustica che ti è stata data sulla porta del palco?
«Stavo uscendo dalla porta del palco con Springsteen a Broadway, c’erano fan là fuori ogni sera. Sono arrivato in macchina e c’era un ragazzo in piedi con una chitarra. Ho solo detto: “Amico, non firmo nessuna chitarra” e lui ha detto “No, questo è per te, te lo do!”. L’ho guardata: una chitarra piuttosto carina! Abbiamo parlato due secondi e penso che abbia detto che era una chitarra fatta molto bene. L’ho presa e sono salito in macchina. L’ho portata a casa, l’ho messa nel mio soggiorno, è rimasta lì per un bel po’. Bellissimo legno. L’ho strimpellata un paio di volte: suono eccellente. Ho pensato “Questa è davvero una chitarra comoda da suonare!”. Nei successivi 10 giorni, quasi tutte le canzoni dell’album ne sono uscite fuori. Un bel piccolo pezzo di magia che la chitarra contenesse quelle canzoni lì dentro, e quando l’ho presa in mano, in 10 giorni avevo l’album!».  

Cosa dà al disco la registrazione dal vivo e il modo in cui hai fatto questo disco? 
«Live è sempre immediato. Immediato è sempre emozionante. Emozionante fa bene. Ottieni una freschezza in cui puoi registrare l’intero disco e prima che tu possa stancarti, è fatto! Ottieni una spontaneità che non deve essere inventata in un secondo momento, è solo naturale. E ci sono punti nel disco in cui l’arrangiamento è appena decollato e ha iniziato a scrivere da solo. Hai una straordinaria opportunità, l’organicità del materiale è in primo piano. È sempre un modo più entusiasmante di procedere. E poi per essere in grado di mantenere la voce che cantavi mentre ti esibivi non succede quasi mai! Torni sempre indietro e ri-registri la voce solista. Ho provato una canzone: sono tornato indietro e ho iniziato a cantare. Non era buono come la voce principale e ho detto “Ecco, non ci proverò nemmeno con gli altri!”. Quindi li ho lasciati tutti lì».

Qual è la storia dietro la collaborazione di Warren Zevon su “Janey Needs A Shooter”?  
«Ho incontrato Warren nel 1978. Ha fatto uscire il suo primo disco, credo. Siamo diventati amici. È venuto a casa mia una notte nel New Jersey. Ha sentito una canzone che stavo cantando, chiamata Janey Needs A Shooter. Non gli importava della canzone ma gli piaceva il titolo! Così ho detto “Sì, prendi il titolo, fanne quel che vuoi”. Così ha vinto il titolo e ci ha fatto quel che voleva. Ma questa era la canzone originale che aveva sentito, sai. Non è una collaborazione tra noi due. Gli ho semplicemente dato il titolo quando lo voleva. Questa è solo la mia canzone, nel modo in cui l’ho sentita dall’inizio. Ma questa è la storia di quel brano musicale.  

Bruce, cosa la rallegra in questi tempi difficili? 
«Sono una persona naturalmente allegra! Ora, quello che mi rallegra ... Questa è una buona domanda. Bene, gelato ...».  

Il gusto preferito?  
Bruce: gelato alla vaniglia immerso nel cioccolato, questo mi rallegra. Uscire con Patti: è molto divertente, questo mi rallegra. Quando vedo i ragazzi, come abbiamo fatto, abbiamo suonato, soddisfacente e molto divertente. Giocando! Giocare mi rallegra. Fare il disco mi ha rallegrato. Fare questo film mi ha rallegrato. Sai, qui è autunno, ma vado a nuotare nell’oceano fino a tarda stagione, perché l’oceano mi è sempre piaciuto. Un bel tuffo nell’oceano di ottobre mi sveglia e mi rallegra. Mi è sempre piaciuta la spiaggia, sono un topo da spiaggia, sono cresciuto sulla riva, sono cresciuto sulla sabbia e sulle onde e sul surf, non faccio più surf, ma l’ho fatto per un bel po’. Amo ancora la spiaggia, quella parte del mondo naturale m’illumina sempre durante il giorno. I miei figli, i miei figli mi tirano su di morale. Sono sempre interessanti e sono coinvolto nelle loro vite tanto quanto me lo permettono, mi diverto. Quindi è solo vita, vita che va avanti».

“Rainmaker” è stato scritto pensando a qualcuno in particolare?  
«Credo di averlo scritto quando Bush era presidente, o avrei potuto iniziare allora. In un certo senso si adatta più a Trump, immagino, perché parla di un demagogo, quindi indaga solo di cosa si tratta, qual è la connessione tra il demagogo e i suoi seguaci, qual è la dinamica di potere tra quei due, tra quei due gruppi di persone. È una canzone interessante ma è davvero una buona canzone rock, quindi l’ho inserita nell’album».  

Con l’elezione negli Stati Uniti imminente, come si sente riguardo a un’elezione che potrebbe essere la più importante della storia? 
«Innanzitutto Donald Trump perderà! Joe Biden vincerà e il lungo incubo nazionale sarà... Non so se finirà, ma Trump se ne andrà! Sono sicuro che non verrà eletto per un secondo mandato. Che tipo di imbrogli possono succedere...Spero non ci siano molti imbrogli durante le elezioni e finiamo per dover aspettare un mese o due in cui cercano di scoprire chi ha vinto. Ma credo che gli Stati Uniti rimarranno uniti come una nazione unita, indipendentemente dalle tensioni e dalle differenze tra alcuni dei suoi abitanti in questo momento. Credo che molto di quello che vedete in tv sia una minoranza di persone che provocano l’isteria. Penso che ci sia molta positività in corso. Penso che il movimento Black Lives Matter sia un movimento molto positivo, è per lo più pacifico, quando si evolve in violenza non fa bene a nessuno. Ma se guardi le dimensioni e la quantità di marce in tutto il mondo, sono state principalmente pacifiche. Credo che siano stati un movimento sano in questo momento, per quanto riguarda i diritti civili degli Stati Uniti in una direzione più umana. Una direzione che la storia richiede. Puoi vivere in una società in cui, se sei una persona di colore, corri il rischio di essere colpito da un proiettile in un dato giorno della settimana, per qualche piccola infrazione o di trovarti nel posto sbagliato al momento sbagliato. È tempo che negli Usa finisca. Quindi quel movimento è molto importante. I movimenti di destra che si sono sostenuti perché Trump ha creato un’atmosfera in cui si sentono incoraggiati, credo che si ritireranno sotto la terra da cui sono strisciati fuori, quando inizierà ad andare via. Ho ancora molta fiducia nel popolo americano, nell’idea americana. Siamo rimasti sbalorditi e questo è stato doloroso, ma siamo molto lontani dal disagio. Quindi abbiate fede, fratelli e sorelle miei là fuori! Non è ancora finita».

C’è una traccia “House Of A Thousand Guitars” che colpisce particolarmente. 
«Questa è probabilmente la mia canzone preferita. Tenta di definire il mondo che ho cercato di creare con il mio pubblico e i miei ascoltatori sin dall’inizio. È un mondo di valore, di codice d’onore, di divertimento, di gioia, ma c’è una “moralità”. Ha valori e ideali. È un mondo che si crea quando esco sul palco e il mio pubblico entra nell’edificio di notte: viviamo in quel mondo per due o tre ore, e poi ce ne andiamo e portiamo quel mondo con noi, sperando che ci sostenga per il più a lungo possibile, nel mondo reale. Vuole essere un punto di ispirazione. La House Of A Thousand Guitars è come “questa è la casa che abbiamo costruito, e all’interno di questa casa queste cose contano”. Ed è nostra responsabilità primaria costruire, dare vita e dare luce a questa casa. In tal modo, illuminiamo il nostro piccolo angolo della razza umana e per un’esperienza positiva, creativa e spirituale la cui energia può poi andare nel mondo e, si spera, rendere le cose un po’ minuscole, minuscole un po’ migliori! Quindi questa è la canzone che non vedo l’ora di suonare».

 

 

ORIETTA CICCHINELLI

 

Articoli Correlati
Spettacoli