Meteo
 


Fatti&Storie

Bielorussia, Lukashenko apre a nuove elezioni

BIELORUSSIA

MINSK Un intero Paese sta contestando l'esito elettorale che ha recentemente portato per la sesta volta consecutiva Alexander Lukashenko alla guida della Bielorussia. Da giorni si fanno sempre più forti le proteste popolari, nonostante la repressione, che chiedono un intervento dell'Unione Europea per sanzionare il leader politico, accusato dalle opposizioni di aver ottenuto il risultato elettorale a lui favorevoli attraverso brogli. 

Il fronte interno contro di lui è talmente ampio che lo stesso Lukashenko nel pomeriggio ha ipotizzato una timida apertura nei confronti di quanti chiedono un cambiamento, aprendo a nuove elezioni presidenziali, come chiesto dagli oppositori scesi in piazza ogni giorno dopo le elezioni dello scorso nove agosto, ma solo dopo l'adozione di una nuova Costituzione, un passo di cui aveva parlato già nei mesi scorsi. Solo questa mattina, di fronte agli operai della fabbrica Mzkt, che lo avevano contestato, aveva detto: "fino a che non mi fate fuori, non ci saranno altre elezioni". Nel pomeriggio ha poi corretto il tiro: "Abbiamo bisogno di una nuova Costituzione. Bisogna adottarla con un referendum e con questa nuova Costituzione,se volete, si potranno tenere sia elezioni legislative che presidenziali, e anche elezioni locali", ha dichiarato Lukashenko, citato nel pomeriggio da Belarus-24.

E un altro duro colpo Lukashenko lo ha subito dal mondo del calcio: Il calciatore bielorusso Ilya Shkurin says ha infatti deciso che non giocherà più in Nazionale fino a quando Alexander Lukashenko rimarrà presidente. Il 21enne attaccante del Cskadi Mosca ha fatto il suo annuncio attraverso Instagram, accompagnandolo con l’immagine di un manifestante con una bandiera bianca e rossa, di quelle usate durante le proteste anti governative.Shkurin è passato al Cska di Mosca dopo essere stato il miglior marcatore del campionato bielorusso la scorsa stagione, con 19 gol.

Articoli Correlati
Fatti&Storie