Meteo
 


Fatti&Storie

Accordo sul dl agosto Stop ai licenziamenti

Dl agosto
Coronavirus fase 3

Norme per introdurre una fiscalità di vantaggio al Sud. Norme per far slittare  le tasse di novembre per i lavoratori autonomi e forfettari. Un bonus di circa 5 mila euro a fondo perduto diretto ai 180 mila esercizi pubblici per l'acquisto di prodotti agroalimentari nazionali. Abolizione della  seconda rata dell'Imu a carico delle strutture ricettive, degli alberghi dei campeggi, ed anche degli stabilimenti balneari. Proroga delle scadenze fiscali per le imprese. Mezzo miliardo alla sanità per il recupero delle visite saltate, a causa del Covid. E, sopra tutte, perché la più discussa, la norma che prorogherebbe lo stop ai licenziamenti, diventata la più stringente dopo l’aut aut dei sindacati che minacciano sciopero generale per  fine mese. Si infittisce e si complica il cosiddetto decreto agosto, dopo la riunione dei capi delegazione di maggioranza tenutasi oggi a Chigi. Il ministro dell’economia Gualtieri annuncia che l’accordo politico è siglato e domani il provvedimento arriverebbe addirittura al Consiglio dei Ministri. I bene informati storcono il naso sostenendo che il quadro si sia complicato nel pomeriggio con le richieste arrivate da molti ministri, dall’agricoltura alla scuola alla sanità.

Stop licenziamenti. Sul tema più caldo ci sarebbe  l’accordo: altre 18 settimane di Cig (9+9) o 4 mesi di sgravio al 100% in alternativa alle 18 settimane di cassa Covid. Fino a quando sarà possibile fruire dei trattamenti di cassa o di sgravio, inoltre, non sarà possibile licenziare. Uno stop che arriverebbe fino al 15 novembre. È in sintesi, secondo quanto riferiscono fonti di governo, lo schema dell'accordo raggiunto nella maggioranza sulla norma che entrerà nel decreto agosto. Il blocco dei licenziamenti varrà fino al 15 novembre se le imprese useranno le 18 settimane di cassa integrazione in maniera continuativa. Nel caso in cui usufruiscano della cig in maniera frazionata il divieto di licenziamento resterà valido per tutta la durata della Cig, ovvero fino a quando non saranno esaurite le 18 settimane. Italia Viva, in genere spina del fianco della maggioranza, avrebbe detto sì a patto che la misura si accompagni con lo slittamento delle tasse  per i lavoratori autonomi.

È quanto chiedevano i sindacati anche se la bozza viene bocciata da Confesercenti: “La Cig si complica ancora. A fronte di una benvenuta proroga degli ammortizzatori sociali, aumentano i costi di accesso e la complessità burocratica. Un quadro reso ancora più difficile dalla previsione di un allungamento del blocco dei licenziamenti. Un intervento che suscita molte perplessità, perché sembra individuare nelle imprese un 'sostituto' delle politiche attive a favore dei lavoratori", scrive in una nota. "La priorità delle piccole e medie imprese- si legge ancora nel testo- è senz'altro quella di mantenere il più possibile intatti i livelli occupazionali. Gli imprenditori però sono anche tenuti a fare scelte, procedendo a riorganizzazioni e, a volte, anche a chiusure delle attività. Tutelare il lavoro è giusto, ma bisogna fare altrettanto per le imprese oggi in grave difficoltà. La soluzione non può essere quella di impedire licenziamenti obbligati dalle circostanze. Piuttosto, si devono garantire tutele e nuove opportunità a chi ha perso o perderà il lavoro. Misure come il blocco dei licenziamenti non fanno altro che spostare in avanti i problemi senza risolverli".  Ma in mattinata Maurizio Landini, segretario generale della Cgil aveva minacciato: “Tutti i licenziamenti vanno bloccati fino a fine anno e i contratti nazionali vanno rinnovati. Altrimenti sarà sciopero generale". E per ora è passata questa linea.

Le altre misure. Il ministro dell’Agricoltura Bellanova ha ottenuto un bonus per i ristoranti che comprano prodotti italiani al 100%. Il sottosegretario al Mef Villarosa invece preme per uno sgravio della seconda rata Imu per le strutture ricettive, alberghi, campeggi e anche stabilimenti. Di fatto saranno prorogate tutte le misure economiche in scadenza.

Articoli Correlati
Fatti&Storie