Meteo
 


Fatti&Storie

Nuove luci a led per Arco di Costantino

Presentata nella serata di ieri la rinnovata illuminazione artistica dell’Arco di Costantino. Presenti all’evento l’Amministratore Delegato di Acea Giuseppe Gola, la Direttrice del Parco Archeologico del Colosseo Alfonsina Russo e la Presidente dell’Associazione Stampa estera Trisha Thomas. Il progetto, nato dalla collaborazione tra Roma Capitale – Dipartimento Simu, Acea e Parco Archeologico del Colosseo, è stato realizzato dalla multiutility mediante l’utilizzo di 30 luci a led di ultima generazione che hanno sostituito le vecchie apparecchiature, minimizzando l’impatto estetico dei proiettori, migliorando l’effetto cromatico dell’illuminazione d’accento delle arcate e riducendo i consumi energetici.  
  
Il nuovo impianto, con l’uso di tecnologie innovative e sostenibili, valorizza uno degli scorci più caratteristici della Capitale, soffermandosi su un monumento dall'alto valore simbolico che, celebrando la vittoria di Costantino su Massenzio, ricorda uno dei momenti fondamentali nella storia dell'Occidente che ha aperto la strada alla cristianità. L’intervento è stato eseguito nel rispetto delle indicazioni del Parco Archeologico del Colosseo. 
 
 “Avvolgiamo e rivestiamo con una rinnovata luce l’Arco di Costantino, esaltando ulteriormente la sua maestosità e la sua bellezza. Un intervento frutto del lavoro di squadra con Acea e il Parco Archeologico del Colosseo. Prosegue il nostro percorso di valorizzazione del patrimonio monumentale della Capitale attraverso la realizzazione di progetti di illuminazione artistica. Lo facciamo nel segno dell’innovazione, del rispetto dell’ambiente utilizzando lampade a basso consumo energetico e, soprattutto, della tutela dei siti storici, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Lanciamo in questo modo, attraverso la luce, anche un messaggio di speranza in questa fase di ripartenza”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi. 

 “Il nostro percorso di valorizzazione dei siti storico artistici della Capitale si arricchisce di una nuova illuminazione che esalta la bellezza di uno tra i monumenti più significativi della Città. Siamo onorati anche in questa occasione di contribuire con il nostro lavoro a valorizzare il patrimonio culturale di Roma attraverso l’utilizzo di un’illuminazione con tecnologia led che garantisce un’ottima resa cromatica e una notevole riduzione del consumo energetico, mentre i proiettori di ultima generazione, con un minimo impatto estetico, aumentano la precisione delle ottiche esaltando le caratteristiche architettoniche del monumento”, dichiara l’ad di Acea Giuseppe Gola. 
 
“I quasi 500 giornalisti della Stampa Estera sono sempre contenti di raccontare la bellezza dell’Italia. Purtroppo nei mesi scorsi ci siamo trovati a dover scrivere, per forza di cose, di Covid e dei lati oscuri di questa pandemia. Adesso questo progetto di nuove illuminazioni per i monumenti di Roma, dal Pantheon a questo splendido Arco di Costantino, ci permette di tornare a scrivere di bellezza e di luce, e si sa, la luce è sempre stata segno di speranza. I cittadini romani, dopo mesi di lockdown, possono apprezzare di nuovo una città di straordinario fascino”, commenta Trisha Thomas, Presidente Associazione Stampa Estera. 

 
 

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Elezioni