Meteo
 


Fatti&Storie

Castrazione chimica per l’orso M49

Animali

TRENTO L’orso M49 è stato castrato chimicamente dopo la cattura avvenuta il 28 aprile scorso, che aveva messo fine ad una “latitanza” di nove mesi dalla prima volta che era stato fermato. Lo ha confermato l’assessora trentina leghista Giulia Zanotelli, precisando che «la castrazione è una prassi per gli animali detenuti in cattività» e che «all’orso vengono somministrati integratori con sostanze naturali che hanno effetti benefici e calmanti, senza alterarne comportamento e fisiologia». Protesta l’Ente nazionale protezione animali: «La castrazione chimica di M49 è un’ulteriore conferma che la Provincia autonoma di Trento non vuole lavorare per una sua reimmissione, ma vuole detenerlo a vita». E ieri l’associazione animalista Oipa Italia ha organizzato una protesta sotto la sede della Provincia di Trento per sollecitare la revoca dell’ordinanza d’abbattimento dell’orsa JJ4: «Un atto di clemenza che interpreta il sentire comune, espresso persino delle persone che sono state attaccate, in maniera non grave, dall’orsa».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Italia viva critica