Meteo
 


Fatti&Storie

Sbarcano in Sardegna i "vip" che erano stati respinti

sardegna

Cagliari. Non turisti ma imprenditori venuti a verificare possibili investimenti in Sardegna. È l’escamotage che ieri ha permesso alla decina di cittadini Usa e Nuova Zelanda di sbarcare da un jet privato sulla pista dei voli vip dell'aeroporto di Cagliari Elmas.

È lo stesso gruppo che alcuni giorni fa era stato respinto perché non in regola con le norme contro la diffusione del Corona virus, in quanto provenienti dagli Stati Uniti, Paese considerato a rischio. Una querelle che aveva sollevato numerose polemiche.

Il ritorno in Sardegna è stato ora autorizzato a seguito del pronunciamento del Tar, che nei giorni scorsi aveva accolto la richiesta di sospensiva del provvedimento di respingimento avanzata dagli avvocati dei cittadini statunitensi. Il Tribunale amministrativo regionale aveva infatti stabilito che il gruppo chiedeva l'ingresso per motivi di lavoro e non per turismo: secondo “L’Unione Sarda” si tratta di investitori interessati a visitare alcune proprietà del sud Sardegna per acquistarle. Ospiti di una villa a Villasimius, potranno ora soggiornare nell'Isola e concludere i loro affari. Sono in tutto una decina di persone, cinque con passaporto Usa, altri con documenti della Nuova Zelanda e della Germania e una imprenditrice sarda che li accompagnerà nei sopralluoghi. Ieri sera alle 19.30 il volo privato è nuovamente atterrato all'aeroporto di Cagliari Elmas e la comitiva, accolta dagli avvocati e da alcuni amici, ha potuto iniziare il periodo di lavoro-vacanza in Sardegna.

Articoli Correlati
Fatti&Storie