Meteo
 


Spettacoli

La Mostra del Cinema si adegua alle norme anti Covid

Festival di Venezia

VENEZIA La Mostra del Cinema di Venezia si farà. Questa conferma,  seppur «con una minima riduzione di titoli e sezioni, assume il significato di un'auspicata celebrazione della ripartenza e di messaggio di concreto ottimismo per l'intero mondo del cinema duramente colpito dalla crisi - spiega il direttore artistico Alberto Barbera - La selezione ufficiale, con i suoi 50-55 film provenienti da tutto il mondo, offrirà la consueta panoramica di quanto di meglio l'industria cinematografica ha prodotto negli ultimi mesi, grazie alla risposta straordinaria che registi e produttori hanno saputo dare, pur nelle difficili condizioni di lavoro di questi ultimi mesi. Una nutrita presenza di autori e attori accompagnerà i film al Lido, mentre collegamenti via internet consentiranno la realizzazione di conferenze stampa per tutti coloro che non potranno partecipare di persona, a seguito delle restrizioni di viaggio tuttora attive».

«Una nutrita presenza di autori e attori - conclude il direttore artistico - accompagnerà i film al Lido, mentre collegamenti via internet consentiranno la realizzazione di conferenze stampa per tutti coloro che non potranno partecipare di persona, a seguito delle restrizioni di viaggio tuttora attive». 

«Tutte le preoccupazioni della vigilia sono state smentite dai fatti - prosegue Barbera - Venezia 77 sarà un festival non autoctono, né eurocentrico ma del tutto internazionale. Non ci saranno i grossi blockbuster degli studios o perché non pronti, o perché rimandati anche in considerazione della data degli Oscar, ma ci saranno davvero tutti in questo festival della ripartenza: cinesi, indiani, medio-orientali. Insomma la stessa rappresentatività di sempre».

Dal 2 al 12 settembre alla 77esima edizione della Mostra oltre ad un numero minore di film, non ci saranno anche alcune sezioni.

Se Orizzonti, Venezia 77, Fuori Concorso e Biennale College Cinema si svolgeranno in presenza, il concorso Venezia Virtual Reality, solitamente sull'isola del Lazzaretto Vecchio, si sposterà online grazie a una piattaforma innovativa accessibile a tutti gli accreditati.

La sezione Venezia Classici si sposterà alla Cineteca di Bologna dal 25 al 31 agosto nell'ambito del festival Il Cinema Ritrovato, mentre Sconfini viene momentaneamente sospesa per riuscire a garantire il maggior numero di posti disponibili alle repliche dei film delle sezioni principali.

Una doppia veste toccherà alla quinta edizione del  Venice Production Bridge che si svolgerà dal 3 all'11 settembre sia nelle strutture solitamente usate al terzo piano dell'Hotel Excelsior al Lido (dove si terranno anche convegni ed eventi) sia online. 

Stesso duplice destino attende il Venice Gap Financing Market (VGFM, lungometraggi) e il Book Adaptation Rights Market che saranno entrambi svolti in presenza ma offriranno anche la possibilità di partecipare da remoto. 

Tutte le proiezioni troveranno spazio nelle sale al Lido ed anche in due arene all'aperto, ai Giardini della Biennale e al pattinodromo del Lido.

I film del programma ufficiale - che saranno resi noti il 28 luglio - verranno tutti  proiettati in replica al cinema Rossini e al centro culturale Candiani di Mestre.

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati
Spettacoli