Meteo
 


Fatti&Storie

Covid: «Test per chi viene da fuori»

Roma

ROMA  La buona notizia è che nella giornata di ieri non ci sono stati decessi, ma è massima l’attenzione per i casi di Covid-19 provenienti dall’estero o da altre regioni. Sui 14 contagi rilevati ieri in tutto il Lazio (di cui 11 a Roma) infatti, la metà sono relativi a persone provenienti dall’estero. Si tratta di sei cittadini del Bangladesh, cinque isolati a Roma e uno a Viterbo, e di una donna proveniente da Londra.

«È necessario fare i tamponi all’aeroporto e garantire l’isolamento per chi proviene dai Paesi ad alto rischio. Continuiamo ad avere una prevalenza di casi di importazione. Dei nuovi casi giornalieri si registrano 6 casi di nazionalità Bangladesh (5 da Roma città e uno da Viterbo) e di questi tre sono di rientro con volo aereo da Dacca», ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. «I nuovi dati sui contagi ci dicono che la riapertura delle frontiere da molti Paesi ancora ad alto rischio richiede nuove e tempestive misure di prevenzione e controllo degli arrivi. Urgono decisioni per prevedere tamponi in aeroporto per le persone che nei giorni precedenti all'arrivo hanno soggiornato in questi Paesi», ha rincarato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Controlli sulla movida
Resta alta anche l’attenzione sui comportamenti a rischio in città, in particolare per quanto riguarda la movida. Nel fine settimana la polizia locale ha dovuto isolare e chiudere momentaneamente al traffico diverse aree tra San Lorenzo, Trastevere e piazza Bologna. Durante i controlli sono state denunciate 9 persone e rilevate diverse irregolarità in alcuni locali. Arrestato un 30 enne del Gambia per spaccio di droga a piazza Trilussa, mentre a piazza Venezia 5 persone sono state fermate per rissa.

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Bonus partite Iva