Meteo
 


Fatti&Storie

Usa ormai fuori controllo Il Sud torna al lockdown

Coronavirus

Gli Stati Uniti hanno registrato oltre 41.586 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo quanto risulta dal database della Johns Hopkins University. Il totale dei contagi supera così i 2,59 milioni. I decessi sono almeno 126.141.  I governatori Usa fanno dietro front sulle riaperture di bar e ristoranti dopo l'impennata di contagi da coronavirus che ha colpito soprattutto il Sud degli Stati Uniti. Dopo il Texas e la California, anche l'Arizona torna a chiudere bar, birrerie, enoteche, palestre e cinema per 30 giorni. Il Nevada ha congelato alla 'fase due' il processo di ripresa dell'attività dopo il lockdown mentre in vista del weekend dell'Indipendence Day, il prossimo quattro luglio, resteranno chiuse le spiagge a Miami e Los Angeles. San Diego, oltre alle spiagge, richiude bar e ristoranti.  "Se potessi tornare indietro e cambiare qualcosa, probabilmente rallenterei la riapertura dei bar, vedendo la velocità con la quale il coronavirus si sta diffondendo", ha dichiarato il governatore del Texas Greg Abbott. Nel Michigan, la folla in un bar di East Lansing ha comportato il contagio di almeno 85 persone in un colpo solo. Altri 130 casi sono stati collegati a quattro bar del Minnesota. Anche il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha detto di valutare uno slittamento per la riapertura dei ristoranti così come il governatore del New Jersey, Phil Murphy, sebbene in questi due Stati americani i contagi siano in declino. In Georgia lo stato di emergenza e le restrizioni sono stati prorogati fino al prossimo 11 agosto.

Hockey. Sono 26 i giocatori che militano nella National Hockey League (NHL), il campionato professionistico nordamericano di hockey su ghiaccio, trovati positivi al coronavirus. Le positività sono emerse dopo l’analisi di 1.450 tamponi.    I controlli sono iniziati l’8 giugno, ovvero da quando è scattata la ‘Fase 2’ verso la ripresa del campionato sospeso a marzo causa l’emergenza sanitaria. I giocatori positivi, come da protocolli sanitari stabiliti da Canada e Stati Uniti, sono stati posti in isolamento e in quarantena obbligatoria. L’inizio della ‘Fase 3’ della NHL dovrebbe iniziare il 10 luglio con camp riservati alle singole 24 squadre, quelle che dovrebbero contendersi la prestigiosa Stanley Cup, il trofeo che viene assegnato al team, vincitore. Data e modalità di ripresa della NHL non sono ancora state ufficialmente rese note.

Articoli Correlati
Fatti&Storie