Meteo
 


Fatti&Storie

Il lockdown fa volare la cannabis in Canada

cannabis

CANADA Il lockdown dovuto alla pandemia di Coronavirus ha fatto aumentare le vendite, ma ora l’industria canadese della cannabis si trova ad affrontare un’importante battuta d’arresto, a meno di due anni dalla legalizzazione. Durante il lockdown, anche per gestire lo stress, secondo Statistics Canada le vendite sono aumentate di quasi il 20% nei mesi di marzo e aprile. «Covid-19 ha avuto un effetto positivo. Abbiamo visto un certo trasferimento dal mercato nero al mercato legale», ha detto Bradley Poulos, un esperto del settore che insegna alla Ryerson University di Toronto. Tuttavia, il Coronavirus è arrivato nel momento peggiore per questa giovane industria, che già affronta «la sua parte di sfide», compresi i problemi di redditività, un anno e mezzo dopo che il Canada è diventato, nell’ottobre 2018, il secondo Paese dopo l’Uruguay a legalizzare il “farmaco”. Anche il mondo finanziario ha aperto le porte al nuovo mercato e molte società sono quotate alle Borse di Toronto e New York.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie