Meteo
 


Spettacoli

«Con “Banzai” riparto da pace, libertà e amore»

Musica Frah Quintale

MILANO È un artista originale ed eclettico, fra rap, pop, soul e altro ancora. Frah Quintale torna domani con “Banzai” (Lato blu), prima parte di un doppio album. Alle spalle ha il successo di “Regardez Moi” (disco d’oro), un lungo tour da tutto esaurito e oltre 150 milioni di ascolti su Spotify. 

Ormai è quasi una star… 
«Ma non amo la mondanità. La popolarità, però, mi dà la possibilità di parlare alla gente e, nel mio piccolo, lanciare dei messaggi».

Quali? 
«Dipende dai pezzi. Ma resto fedele alla triade “pace, libertà e amore”».

Perché “Banzai”? 
«Un grido di incoraggiamento innanzitutto per me: è il secondo disco, non facile. Ho anche cambiato un po’ stile, perché mi piace evolvermi. Mi sono buttato». 

Nei testi si parla molto d’amore. 
«È il sentimento che mi spinge a scrivere. Racconto vari aspetti dell’amore, tipo quando finisce e fai serata per non pensarci».

Come ha vissuto il lockdown? 
«Da privilegiato. Sono di Brescia, dove il virus ha colpito duro, però vivo a Milano a due passi dallo studio. Così ho continuato a lavorare e perfezionare il disco. Spero che tutto questo male serva come molla per incamerare energie e ripartire alla grande».

E il live? 
«La situazione è molto delicata. Per noi e per chi lavora con noi. Speriamo si riprenda presto, il palco mi manca tantissimo. Intanto sto provando con la band. Per essere subito pronto a ricominciare». 

 

DIEGO PERUGINI

Spettacoli