Meteo
 


Spettacoli

Dujardin: «Chi non ha mai sognato di abbandonare tutto?»

Jean Dujardin

FILM La follia è una giacca di pelle. E, allora, ecco un uomo che ha una sola ossessione: per una giacca in pelle di daino, morbida e piena di frange, per cui è pronto a tutto. Una donna che ha una sola passione: rimontare vecchi film. Una coppia che vola cullandosi nelle proprie follie e la black comedy è servita. Ecco “Doppia Pelle” in arrivo dall’ultimo festival di Cannes, firmato dal talentuoso Quentin Dupieux e dal 22 disponibile su Sky Primafila e Miocinema. Protagonista il Premio Oscar Jean Dujardin che sa bene che un personaggio come questo esige un approccio diverso da tutti gli altri.

Jean Dujardin, com’è entrato nei panni di questo uomo eccentrico e pazzamente felice?
«Semplicemente non interpretando la sceneggiatura. L’idea di recitare come un attore tradizionale era fuori discussione».

È anche il suo primo film di genere e la prima volta che interpreta un serial killer?
«Sì e mi sono molto divertito. Avevo interpretato un personaggio borderline in Cash Truck ma nulla di simile a questo. Volevo esplorare questo tipo di cose da molto tempo ormai. La follia e le ossessioni mi hanno sempre affascinato. Mi piace il modo in cui il film degenera da thriller a qualcosa di strano e cruento».

Cosa le appartiene del personaggio?
«In fondo lo capisco. C’è qualcosa dentro di lui, un senso di solitudine, il desiderio di gettare tutto in mare. Mi sento toccato. Lui abbandona tutto. Chi non ha mai sognato di farlo? Io  certamente».

 

 

SILVIA DI PAOLA

 

Spettacoli