Meteo
 


Fatti&Storie

Coronavirus, i dati Ats Oltre 5 mila morti in più

Milano

MILANO Ben 5.500 decessi in più rispetto alla media degli anni precedenti tra Milano e Lodi nei primi quattro mesi del 2020. Il dato emerge da uno studio sulla mortalità in 162 strutture sul territorio dell'Ats di Milano in cui sono ospitate oltre 16 mila persone.

Tra gennaio e aprile 2020, fra gli over 70, il 46% dei 5.500 decessi si sono verificati nelle Residenze sanitarie assistite.

«Per quel che sappiamo - spiega il Dg di Ats città metropolitana di Milano, Walter Bergamaschi - è il primo studio in Italia che valuta la mortalità avvenuta in queste strutture in modo sistematico. L'obiettivo è poter fare valutazioni di cosa ha funzionato e cosa no. Non vogliamo fare processi. Il lavoro ha misurato l'aumento di mortalità assoluta durante la pandemia, indipendentemente dal numero di casi accertati. E' una fotografia e non tutte le strutture hanno avuto gli stessi fenomeni. Intendiamo andare avanti per capire il legame fra le misure messe in atto e i risultati ottenuti».

Sempre secondo Bergamaschi, le strutture «più grandi tra le Rsa sono state più esposte ai rischi, mentre quelle più piccole, in cui i pazienti sono in camere singole, in cui c'è possibilità di isolamento, hanno avuto una capacità di reagire al Covid-19 diversa dalle strutture che hanno camerate dove i pazienti sono più aggregati».

Domani pomeriggio il prefetto di Milano, Renato Saccone, incontrerà il Comitato Verità e giustizia per le vittime del Trivulzio in prefettura. “Il Comitato - si legge in una nota - illustrerà al prefetto l'impossibilità, tuttora esistente, di poter incontrare i propri cari ospitati al Pio Albergo Trivulzio”.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie