Meteo
 


Fatti&Storie

"Violazione dell'umanità" Il capo della polizia chiede scusa

Usa

"Per me, questa è stata una violazione dell’umanità. E' stata la violazione di un giuramento che ha fatto la maggioranza degli uomini e delle donne che hanno deciso di indossare questa divisa. Questo è il contrario di ciò in cui crediamo, ed è stato assolutamente sbagliato. Punto”. Lo ha dichiarato il capo della polizia di Minneapolis, Medaria Arradondo, commentando la morte avvenuta una settimana fa di George Floyd, afroamericano di 46 anni, tenuto immobilizzato da un poliziotto, che per nove minuti con il ginocchio sul suo collo.

Cappello. Si sono parlati per la prima volta, in diretta tv sulla Cnn, scatenando commozione: il fratello di George Floyd, Philonise, attraverso una reporter in servizio a Minneapolis, ha chiesto al capo della polizia, Medaria Arradondo, se riteneva giusto che anche gli altri tre agenti, presenti all’arresto che ha portato alla morte di Floyd, dovessero essere arrestati. L’ufficiale ha risposto che li “riteneva complici” allo stesso livello di Derek Chauvin, il poliziotto che ha tenuto per nove minuti il ginocchio premuto sul collo di Floyd, immobilizzato a terra. Il fratello ha approvato la risposta, ma è stato un gesto a scatenare la commozione generale: quando il capo della polizia, prima di rispondere alla domanda, si è tolto simbolicamente il cappello in segno di rispetto per la vittima, esprimendo il suo “profondo dolore” verso la famiglia. Nel riprendere il collegamento, con la voce rotta, la giornalista ha sottolineato il tributo del poliziotto, mentre il fratello di Floyd è scoppiato a piangere. In studio è calato il silenzio, fino a quando il conduttore, Dan Lemon, ha chiuso il collegamento, emotivamente provato. La scena è finita sui social, diventando virale.

Suprematisti. Le autorità del Minnesota hanno motivo di credere che ci siano anche suprematisti bianchi nella violente manifestazioni di Minneapolis e St. Paul. Lo ha dichiarato il commissario Paul Schnell domenica notte. "Sono agitatori", ha spiegato. L'obbiettivo delle forze dell'ordine è ora isolarli per non permettere loro di diffondere il caos e incitare alla violenza. Il commissario ha aggiunto inoltre che ci sono state notizie della partecipazione del gruppo Antifa, legato all'estrema sinistra.

Articoli Correlati
Fatti&Storie