Meteo
 


Fatti&Storie

Minneapolis in pieno caos Il Pentagono pensa ai militari

Usa

La situazione a Minneapolis rimane "incredibilmente pericolosa", mentre le proteste continuano in città, ha detto il governatore del Minnesota Tim Walz in una conferenza stampa poco dopo le 1 di notte ora locale. Varie polizie stanno rispondendo ai disordini in tutta la città, dopo che un certo numero di manifestanti ha ignorato il coprifuoco fissato dal governo dello stato alle 20.00. "Questo è il più grande dispiegamento civile nella storia del Minnesota", ha detto Walz.  Secondo il governatore, gli agenti non possono arrestare le persone solo perché sono in strada. "Questa è un'operazione che non è mai stata fatta in Minnesota", ha aggiunto Walz.

Pentagono. Il Pentagono è pronto a mandare polizia militare a Minneapolis.  ​I soldati di Fort Bragg in North Carolina e Fort Drum a New York, due delle basi più importanti del corpo della Polizia Militare dell'esercito americano, hanno ricevuto l'ordine di essere pronti a partire entro quattro ore, se chiamati. Ai soldati di Fort Carson, in Colorado, e di Fort Riley, in Kansas, è stato detto di essere pronti entro 24 ore. Lo hanno rivelato ad Ap fonti protette dall'anonimato.

Casa Bianca. Ma le proteste dilagano in diverse città statunitensi, da New York a Washington e fino a Houston, per l'omicidio a Minneapolis da parte della polizia di George Flyod, afroamericano.  Se a Minneapolis è stato ordinato il coprifuoco per tutto il fine settimana, in altre due città del Missouri, St. Paul e Roseville, è scattato lo stesso divieto per la notte. Nella capitale americana i manifestanti stanno pacificamente sfilando sulla 14esima strada, vicino alla Casa Bianca, mentre a New York si sono radunati davanti al Barclays Center di Brooklyn. A San Jose, in California, alcuni manifestanti stanno bloccando il passaggio delle auto in strada. A Houston, in Texas, i manifestanti si sono riversati numerosi a downton, davanti alla sede del comune, un grattacielo costruito negli anni Quaranta. Come anche nelle altre città, mostrano cartelli con le ultime parole dell'uomo ucciso: "Non posso respirare", reclamando "giustizia per George".

Arrestato il poliziotto. Intanto è stato arrestato e incriminato per omicidio preterintenzionale l'agente che soffocò, durante l'arresto, l'afroamericano George Floyd, morto lunedì scorso a 46 anni sotto il ginocchio di Derek Chavin. Il procuratore della Contea di Hennen, Mike Freeman, l'ha definita "l'incriminazione più veloce in un'indagine contro un agente di polizia".  L'ufficio del procuratore ha esaminato i resoconti dei testimoni, il video dell'accaduto e altre prove che hanno portato all'arresto di Chauvin, ha spiegato Freeman. Gli altri tre poliziotti coinvolti non sono stati ancora arrestati ma sono sotto indagine. Dalle testimonianze locali, in particolare quella del vice presidente del consiglio comunale,  Andrea Jenkins, è emerso che Floyd e Chauvin, si conoscevano molto bene perché avevano lavorato insieme per diversi anni nella sicurezza di un night club. "L'incriminazione dell'agente è un primo passo essenziale", ha commentato il sindaco della città, Jacob Frey, che si è svegliato con edifici e auto ancora fumanti dopo una notte di rabbia e violenza. "Siamo una nazione a un bivio e la decisione odierna del procuratore della contea è un primo passo essenziale su una strada più lunga verso la giustizia e la guarigione della nostra città", ha affermato il primo cittadino in una nota. Un primo passo che però non sarà sufficiente con l'attenzione che resta alle stelle anche a causa di alcuni tweet del presidente, Donald Trump, che dopo aver promesso giustizia per la vittima, ha usato parole di fuoco contro quelli che ha definito i “criminali” che hanno commesso atti vandalici e saccheggi e ha minacciato l’uso della forza. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie