Meteo
 


Spettacoli

Gulino: «Vi presento il mio Urlo Gigante»

Musica Torino

TORINO  È la voce dei Marta sui Tubi, gruppo di culto della scena pop italiana. Gulino approda ora al primo disco solista, “Urlo Gigante”, che nelle prossime settimane presenterà live in Italia. A Torino si esibirà all’Hiroshima fra aprile e maggio, data da confermare..

Un disco solista a 48 anni… 
«Ma io mi sento giovanissimo! Scherzi a parte, prima non ne ho mai sentito l’esigenza, mi bastava il lavoro col gruppo. Ma ora che i Marta sono fermi da 4 anni, mi è venuta voglia di fare un disco tutto mio». 

Perché “Urlo Gigante”? 
«È l’anagramma del nome e cognome di mia figlia Greta, ma c’è anche l’idea del vagito, del bimbo che nasce. E un riferimento alla mia voce. Perché chi mi conosce sa che sul palco non mi risparmio».

I suoni sono diversi, più elettronici. 
«Non volevo fare una copia dei Marta, ma qualcosa che riflettesse i miei ascolti preferiti. Per esempio Aphex Twin e Bonobo, grandi dell’elettronica. E, soprattutto, non volevo cavalcare l’onda delle mode, ma realizzare un disco differente da quel che si sente in giro». 

C’è anche un omaggio a Lucio Dalla in “Fammi ridere”. 
«Uno “scat” nato per gioco. È il ricordo della nostra vecchia collaborazione, un rapporto nato per stima reciproca e non per calcolo. Peccato sia finito troppo presto».

I testi? 
«Ho esplorato il mio vissuto e i miei cambiamenti: diventare padre, avere una famiglia, le dinamiche di coppia. La chiamo “speleologia dei sentimenti”». 

E dal vivo? 
«Suonare rimane uno dei momenti più belli. Presenterò il nuovo disco, ma anche i classici dei Marta riarrangiati».

A proposito, ma il gruppo si è sciolto? 
«Non ufficialmente, siamo in stand-by. Ognuno segue dei percorsi solisti, ma rimaniamo in ottimi rapporti». 

 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Spettacoli