Meteo
 


Fatti&Storie

Si aggrava l’impatto sull’economia italiana

il virus cinese

ROMA Da domenica sera stop al Carnevale di Venezia, fermato due giorni prima della conclusione del “martedì grasso”. Un evento che da solo normalmente genera un indotto economico di quasi 70 milioni (con un 40% di turisti in più nella città lagunare), ma che quest’anno era già sottotono anche ieri nella giornata del “volo dell’Aquila” (20 mila persone in piazza San Marco). È solo l’ultimo atto del crescente impatto che l’emergenza coronavirus sta avendo sull’economia italiana, considerato anche che le tre regioni al momento più colpite rappresentano il cuore industriale e finanziario del nostro Paese. Alcune stime parlano già di decine di milioni di ricadute negative ogni giorno, con un conto che potrebbe salire ad un miliardo e mezzo.

Gualtieri: «Quantificazioni premature»

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, volato a Riad per il G7 e il G20, rassicura: «È prematuro quantificare l’intensità e l’impatto del coronavirus a livello europeo e globale. Può essere ancora relativamente contenuto e temporaneo, ma vi è piena consapevolezza dei rischi che una maggiore diffusione dell’epidemia rappresenta per la crescita mondiale».
Pronto un decreto ad hoc

Aiuti alle imprese

Intanto il governo si prepara a varare un secondo decreto per aiutare le attività economiche e le imprese colpite, anche al di fuori delle “zone rosse” più a rischio. Tra le misure possibili l’applicazione della cassa integrazione per aiutare le aziende che avranno problemi per l’assenza dei dipendenti, oltre alla sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari. Intanto, su disposizione delle Prefetture, chi resta obbligatoriamente a casa sarà messo automaticamente in malattia. Ma si stanno valutando anche ipotesi di congedo, lavoro agile e permessi retribuiti.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie