Meteo
 


Opinioni

La superficialità da revisionismo facile

Maurizio Guandalini

Sembrano le gesta di un’altra razza, calata da qualche barbaro pianeta sulla Terra, scriveva nel 1961 quel genio di Gianni Rodari nel ricordare le migliaia di bambine e bambini uccisi nei campi di concentramento nazisti. «Il mondo cammina, va avanti, è vero: l’uomo compie imprese miracolose. Ma il tempo non cammina in una sola direzione c’è anche chi lavora per trascinarci indietro e in basso. Non dimentichiamo». La chiosa finale dell’articolo pubblicato su NoiDonne. Ieri, un 43 enne tedesco fa una strage in nome della razza diversa. Vernichen, annientare. La parola d’ordine. Un odio verso stranieri non bianchi. Sostenitore che la scienza ha dimostrato che alcune razze sono superiori. Nel 2020, una follia maniacale ossessiva e compulsiva di tale violenza, non è derubricabile a caso isolato. E’ un virus potente che ha già contaminato. Scavalcando confini. Paesi grandi e piccoli. La Miss Hitler, 26 anni, di Pozzo d’Adda è stata eletta l’ariana più bella del mondo. Dichiaratamente nazista e antisemita. Trovata in combutta con una tipa 48 enne di Padova, propugnatrice dell’Olocausto è una fandonia, perché ad Auschwitz c’erano piscina e teatro. Che fa pendant con gli ultras dell’Hellas Verona che per festeggiare il ritorno in serie A, cantavano «siamo una squadra fantastica... fatta a forma di svastica, che bello è allena Rudolf Hess». E’ recente su un campanello di una casa di Torino, dove abita la figlia di un partigiano, la scritta “onore a Hitler”. Autori dei ragazzi minorenni. La media età è giovane, fuori dalle implicazioni della guerra. Historia magistra vitae, la Storia è maestra di vita, profetizzava Cicerone. Saranno da colmare vuoti sospesi. L’educazione, la memoria, la conoscenza. La storia, appunto. Ma in giro c’è troppo lasciar fare. Superficialità da revisionismo facile. Come equiparare nazismo e comunismo. L’ha fatto una istituzione globale. Il Parlamento europeo. Monta una liceità figlia di quel senso comune per cui  buoni e cattivi, male e bene tutti pari sono.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Opinioni