Meteo
 


Motori

L'ammiraglia di Peugeot in versione plug-in hybrid

Peugeot

Non solo le elettriche pure. Anche le ibride ricaricabili, le auto che, dopo le vetture a batteria, rappresentano l’arma più efficace nella “guerra” alle emissioni di CO2, almeno, stando ai loro bassi livelli di emissioni ufficiali, sono al centro della rivoluzione elettrificata avviata ormai da tutti i costruttori. Ecco, quindi, che ad affiancare le versioni a benzina e a gasolio della Peugeot 508 arriva ora la 1.600 cc Hybrid e-EAT8 col quattro cilindri turbo a benzina da 180 cv abbinato a un motore elettrico da 109 cv, alloggiato nella scatola del cambio automatico a otto marce, per una potenza complessiva di 225 cv. Elegante e sportiva, grazie alla linea quasi da coupé, vista da fuori la nuova 508 plug-in hybrid cambia rispetto altre versioni solo per la scritta Hybrid alla base del montante dietro e per il doppio sportello del rifornimento: quello di destra per il bocchettone della benzina, mentre a sinistra per la ricarica elettrica. E a proposito di rigenerazione della batteria che ha una capacità di 11,8 kWh ed è sistemata sotto il divano, la si effettua in due ore collegando l’auto a una wallbox da 7,4 kW, mentre ne servono sette agganciandosi a una presa domestica, col caricatore da 3,4 kW. La Peugeot 508 plug-in hybrid è già in vendita, a prezzi a partire da 46.980 euro per la “base” Allure e fino ai 52.980 euro della GT. La versione wagon costa 900 euro in più. 

C.Ca.

Articoli Correlati
Motori