Meteo
 


Fatti&Storie

Parco del Valentino ecco le nuove regole

TORINO

Comune Una nuova vita per il Parco del Valentino, forse già da quest’estate, che passerà dai bandi per i locali della movida oramai chiusi da anni. Ieri è stata approvata la delibera quadro firmata dalla Giunta pentastellata che fissa il cronoprogramma della rinascita. Pochi giorni e sarà pronto il bando per l’ex discoteca Rotonda, in disuso dal 2014, a cui faranno seguito, entro un mese, quelli per lo Chalet e il Fluido, oggi rifugio per senzatetto che poche settimane fa è andato a fuoco. 

L’annuncio corale è stato fatto dalla sindaca Appendino, dall’assessore all’Urbanistica Iaria e dal collega con delega al commercio Sacco, dopo l’approvazione dell’atto comunale. La prima cittadina ci ha tenuto a precisare che «abbiamo ereditato una situazione di abusi che andava risolta. Parliamo di un lavoro che va avanti da un anno e mezzo. Il parco tornerà ad essere un luogo di intrattenimento anche nelle ore serali». Particolare enfasi è stata data proprio all’importanza, da questo momento, di avere «una cornice, ci sono delle regole per utilizzare i locali e gli spazi del parco», sottolinea Iaria, parlando di regole sulle emissioni acustiche, ma anche delle pedane. «La delibera è frutto di un attento studio che delinea cosa è autorizzato e cosa no - fa eco Sacco - Per noi è fondamentale che il Parco torni ad essere vivo e frequentato, facendo lavorare i concessionari in maniera tranquilla». 

Negli ultimi anni, infatti, sono stati diversi i problemi che hanno riguardato le concessioni delle strutture e i vari abusi riscontrati. Stando alla delibera chi otterrà la concessione non potrà restaurare le costruzioni abusive o farne di nuove, ma potrà abbellire gli esterni. «L’obiettivo - precisa l’assessore Iaria - è un progetto che tenga conto di tutte le vocazioni del Parco, non solo di quella notturna». Cristina Palazzo

Articoli Correlati
Fatti&Storie