Meteo
 


Fatti&Storie

Spallanzani, trasferiti anche due bimbi rimpatriati

il virus cinese

Due bambini di 4 e 8 anni, tra i 56 rimpatriati da Wuhan, con solo alcune linee di febbre, accompagnati dal padre sono stati trasferiti a titolo puramente precauzionale, all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti. Lo rende noto il Ministero della Salute. Per il primo dei due bambini, fa sapere il ministero, il tampone ha dato esito negativo al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV. E' in corso l’esame sul secondo.

Gli altri ricoverati.  "La coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo coronavirus, si trova tuttora in terapia intensiva. Le loro condizioni cliniche permangono stabili e con parametri emodinamici invariati continua il trattamento antivirale. La prognosi è tuttora riservata". Lo comunica l'Istituto Spallanzani nel bollettino quotidiano sulle condizioni dei pazienti affetti da coronavirus. "Il cittadino italiano, trasferito 2 giorni fa dalla struttura dedicata della Città Militare della Cecchignola e con infezione confermata da nuovo coronavirus, è in buone condizioni generali e senza febbre. Il paziente continua la terapia antivirale". "Tutti i test relativi ai casi sospetti per nuovo coronavirus sono risultati negativi, compreso il test per la donna italiana inviataci, a puro scopo precauzionale, dalla Città Militare della Cecchignola e per la coppia proveniente da un Pronto soccorso cittadino".

Ministero. Si è riunita questa mattina la task-force coronavirus 2019-nCoV del Ministero della Salute alla presenza del ministro, Roberto Speranza. Nella riunione - si legge in una nota del dicastero - si è valutato il rafforzamento della formazione specifica sul nuovo coronavirus 2019-nCov per medici, infermieri e professionisti sanitari, in collaborazione con tutti i soggetti coinvolti tra cui Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, INMI Spallanzani e con il contributo fondamentale degli ordini professionali. 

Wuhan. "Faremo di tutto per riportare a casa Niccolò, nessuno deve rimanere indietro". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, al suo arrivo alla riunione con il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, e il ministro della Salute, Roberto Speranza, per trovare una soluzione per il rimpatrio da Wuhan del 17enne ancora bloccato a causa della quarantena. "In questo momento abbiamo una riunione importante che ci permetterà di delineare i prossimi passaggi", ha aggiunto il capo della Farnesina.

Nave. A sei nuovi passeggeri della nave è stato diagnosticato il nuovo . Ne danno notizia i media australiani, aggiornando a 70 il bilancio dei casi totali a bordo. I 3.700 passeggeri della nave da crociera sono stati posti da circa una settimana in quarantena in Giappone e dovranno attendere ancora otto giorni prima di poter scendere a terra.

Articoli Correlati
Fatti&Storie