Meteo
 


Sport

Juventus, così non va la Signora aspetta Chiellini

Calcio

CALCIO Sarri chiede aiuto. Apertamente. Perché la terza sconfitta in campionato, arrivata sabato a Verona, è giunta in maniera inattesa: al cospetto di una squadra meravigliosa ma che resta pur sempre una neopromossa con sulle gambe anche una partita infrasettimanale. «Con la testa si comanda la tattica – l’analisi del tecnico bianconero -. Se non si è al cento per cento della condizione mentale, il fisico non può rispondere al top: è tutto collegato. Dobbiamo capire che vincere non è scontato. Bisogna farsi entrare nella testa che serve lottare di più e non avere cali di attenzione». Tipo quelli che hanno portato gli scaligeri a trovare il pareggio, dopo la doppia sciocchezza firmata da Bentancur e Pjanic: certamente colpevoli loro, ma altrettanto di sicuro colpevole una difesa distratta e meno ermetica di una volta. Le 23 reti subite in altrettante partite certificano del resto che il sistema difensivo non funziona. In questo, il prossimo rientro di Chiellini dovrebbe e potrebbe aiutare: senza dimenticare che sei mesi di assenza non sono uno scherzo, la sua leadership e la sua durezza serviranno eccome. «La squadra si allena nella maniera giusta, ma in partita non riesce a tirare fuori tutto il proprio potenziale. Speriamo che qualcuno mi aiuti». Detto così. Tutto d’un fiato. Chiedendo un supporto. Un appiglio. Un qualcosa cui aggrapparsi per poi ripartire. Il che, con la Champions quasi dietro l’angolo (26 febbraio, l’andata contro il Lione), non sembra proprio il massimo. 

DOMENICO LATAGLIATA

 

Articoli Correlati
Sport