Meteo
 


Fatti&Storie

Accertamenti sullo scambio Gli operai sono indagati

Lodi

Gli operai che hanno lavorato sullo scambio nel tratto in cui è deragliato il Frecciarossa sono stati iscritti nel registro degli indagati. La Procura di Lodi fa sapere che è "un atto necessario per lo svolgimento" degli "accertamenti tecnici irripetibili, per la cui esecuzione sono stati incaricati due consulenti dotati di grande esperienza". I 5 saranno interrogati nel pomeriggio negli uffici della Polfer di Piacenza. Sono accusati di disastro ferroviario, omicidio e lesioni, tutti a titolo colposo.

Scambio. I consulenti, nominati dalla Procura della Repubblica di Lodi, dovranno "svolgere al più presto le attività irripetibili volte ad accertare la funzionalità dello scambio che ha dato luogo al deragliamento e di tutti i dispositivi ad esso collegati". In una nota, poi, la Procura sottolinea che "le ulteriori indagini continuano con grande impegno da parte di tutte le forze di polizia coinvolte nelle complesse attività investigative coordinate da questa Procura e si auspica che esse portino in tempi ragionevolmente brevi all'accertamento delle eventuali responsabilità". ​I consulenti nominati dalla Procura di Lodi riceveranno l'incarico "formale" lunedì 10 febbraio. A comunicarlo è la stessa Procura in una nota. Gli accertamenti "verranno svolti con la massima celerità possibile, al fine di consentire il più celere sgombero dei vagoni coinvolti nell'incidente ed il ripristino del tratto di linea interessato dal deragliamento". Quanto all'autopsia, è stata effettuata già oggi in modo da poter far svolgere le esequie.

Articoli Correlati
Fatti&Storie