Meteo
 


Spettacoli

Sulla ribalta tra classici e comicità

Re Lear Glauco Mauri Roberto Sturno

ROMA Sono i grandi classici della letteratura e la comicità i protagonisti di questa settimana a teatro. Tra i maestri riconosciuti della recitazione in Italia, dal 21 gennaio al 2 febbraio lo vedremo all’Eliseo nei panni di uno degli eroi più disturbati e inquietanti partoriti dalla penna di Shakespeare: lui è l’inossidabile  Glauco Mauri, che porterà in scena “Re Lear”, insieme a Roberto Sturno.

Al Piccolo Eliseo, invece, da giovedì, spazio alla potente riflessione sul senso della vita contenuta ne Le Braci di Sándor Márai, diretto da Laura Angiulli. Dal 21 al 26, all’Ambra Jovinelli, largo alle battute graffianti di Teresa Mannino, regista e interprete di “Sento” la terra girare.

Stesse date al Sistina per la gustosa commedia “dimagrante” “Belle Ripiene”, diretta da Massimo Romeo Piparo, con Rossella Brescia, Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi e Samuela Sardo.

Dal 23, al Ciak, Nino Formicola e Max Pisu sono i protagonisti dell’esilarante La Cena dei Cretini di Francis Veber. Mentre, in prima nazionale il 23 gennaio, al Teatro Marconi sbarca “Cocktail per tre”, un divertente triangolo amoroso con Franco Oppini, Miriam Mesturino e Marco Belocchi.

Si ride di gusto anche al Roma (da stasera) con “Due botte a settimana”. Sul palco Marco Marzocca e Stefano Sarcinelli. E l’allegria è di scena anche al Sala Umberto con Michela  Andreozzi, Vittoria Belvedere e Mariagrazia Cucinotta sono le irresistibili “Figlie di Eva”, per la regia di Max Vado. 

Ultima alzata di sipario, infine,  il 26 gennaio all’Arciliuto per “L’amore è una scusa” di e con Maria Carolina Salomè.

 

 

DOMENICO PARIS

 

Spettacoli