Meteo
 


Fatti&Storie

Gregoretti ed Emilia settimana di fuoco per la politica

Governo Conte bis

Un’altra settimana di fuoco per la politica e in particolare per la maggioranza. Il voto in Giunta del Senato sul caso Gregoretti e il rush finale in vista del voto in Emilia Romagna e Calabria sono i due temi principali dell’agenda. 
   La settimana si apre con un appuntamento dai risvolti politicamente pesanti e che potrebbe avere conseguenze dirette anche sul voto di domenica: oggi la Giunta delle immunità sarà chiamata ad esprimersi a favore o contro la richiesta del Tribunale dei ministri di Catania di procedere nei confronti di Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona. Fallito fra le polemiche il tentativo di far slittare il voto, oggi Pd e M5S potrebbero non presentarsi. Comunque l’ultima, e definitiva, parola spetterà all’Aula a febbraio. Salvini dal canto suo ieri ha chiesto di essere processato, anche in ottica di campagna elettorale. Infatti big in campo in Emilia dove una sconfitta del centrosinistra (già scontata la vittoria del centrodestra in Calabria) potrebbe mettere a dura prova la stabilità di governo e giallorossi. 
Detrazioni a rischio
Intanto si è chiarita un’importante novità introdotta con la legge di bilancio 2020, che è scattata dal primo gennaio. Tutte le spese che possono essere detratte dalla dichiarazione Irpef non dovranno essere pagate in contante. Lo sconto spetta solo a chi paga con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili, come carte o bancomat. Nella norma è compreso di tutto, dall’asilo al mutuo, dalla palestra alle assicurazioni, dalle badanti al veterinario, dal trasporto pubblico alle spese universitarie. Unica eccezione sono l’acquisto di medicinali e le prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o private accreditate.

Articoli Correlati
Fatti&Storie