Meteo
 


Fatti&Storie

Tra Gtt e T-Red è caos mobilità

TORINO

città Semafori T-Red in azione e taglio di 30 fermate Gtt. Una settimana complicata per la viabilità torinese. Da lunedì, quando sono entrati in azione i primi tre semafori di 14 che arriveranno in città, più di 900 auto sono passate con il rosso. La maggior parte nell’incrocio tra i corsi Vigevano, Novara e Vercelli (509), mentre 376 tra i corsi Trapani e Peschiera e una trentina tra i corsi Regina Margherita, Lecce e Potenza. Gli scatti saranno esaminati dagli agenti della Municipale che accerteranno la violazione. Anche per chi va con i mezzi pubblici le novità faticano ad essere accettate: tanti pendolari hanno atteso invano alle fermate tagliate da Gtt dal 1° dicembre per potenziare la velocità delle linee, in un modello integrato con corsie preferenziali e priorità semaforica. Una novità che ha creato disagi soprattutto in centro, come in via XX Settembre e via Po. L’azienda ha fatto sapere che  potenzierà la comunicazione con cartelli e personale alle fermate per orientare  i cittadini. Intanto l’assessore ai Trasporti della Regione Gabusi ha fatto il punto sui lavori che riguarderanno la linea ferroviaria Torino-Ceres relativi al quadruplicamento del passante ferroviario di Torino: l’ipotesi è che il traffico sarà sospeso tra Venaria e Torino e sostituito dai bus, mentre resterà intatto tra Venaria e Ceres. «Un gruppo di lavoro con Gtt, Scr, l’Agenzia della Mobilità Piemontese e il Comune di Venaria è già all'opera per stabilire le modalità con cui attivare il nuovo sistema», assicura. Cristina Palazzo

Articoli Correlati
Fatti&Storie