Meteo
 


Fatti&Storie

Partorisce in aereo e chiama la figlia Sky

Usa

Un aereo dell’American Airlines è atterrato all’aeroporto di Charlotte, North Carolina, con un passeggero “in più”. Nereida Araujo ha dato alla luce una bambina, a bordo del volo 868, subito dopo l’atterraggio. La piccola sta bene. Visto l’insolito posto dove è stata partorita, la madre le ha dato un nome particolare: Lizyana Sky Taylor.     “Baby Sky ha deciso di entrare nel mondo a bordo di un aereo”, ha poi scritto la madre su Facebook. L’American Airlines ha spiegato che era stato richiesto personale medico a bordo, una volta arrivato l’aereo. “Il personale paramedico - hanno spiegato - insieme a vigili del fuoco, ha aiutato la donna a partorire. Siamo felici di far parte della storia di questa famiglia”.

Acque.  La donna era arrivata alla trentottesima settimana e aveva ottenuto l'autorizzazione a volare sia dal suo medico sia dalla compagnia aerea, ma poi le acque si sono rotte alla fine del volo, durato un’ora e quaranta minuti circa. “Stavo dormendo - ha raccontato la neo mamma - quando ho sentito bagnato sulle gambe. A quel punto ho svegliato subito mio marito, che viaggiava accanto a me”.

Baby Sky. Subito dopo l’atterraggio, usciti tutti i passeggeri, è nata “Baby Sky”. Anche se è un evento straordinario, non è la prima volta che negli Stati Uniti nasce un bambino ad alta quota. A febbraio una donna di Porto Rico ha partorito un maschietto a ottomila metri d’altezza, durante un volo diretto in Florida della JetBlue. Il piccolo, il “più giovane passeggero” della compagnia, è venuto alla luce su un aereo chiamato “Born To Be Blue”, cioè nato per essere blu. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie